Consiglio dell’Unione europea

consiglio-dei-ministri-dellunione-europea

Il Consiglio dell’Unione europea è composta dai ministri dei governi di ciascun paese dell’UE competenti per la materia in discussione ed è quindi la voce dei governi dei paesi dell’UE. Le sue principali funzioni sono quelle di adottare gli atti normativi dell’Unione e di coordinarne le politiche. Ciascun paese dell’Unione europea esercita la presidenza, a rotazione, per un periodo di 6 mesi.

Nel Consiglio i ministri dei governi di ciascun paese dell’UE si incontrano per discutere, modificare e adottare la legislazione e coordinare le politiche. Sono autorizzati a impegnare i rispettivi governi a perseguire le azioni concordate in tale sede. Assieme al Parlamento europeo, il Consiglio è il principale organo decisionale dell’UE.

Le principali attività del Consiglio dell’Unione europea sono:

  • Negozia e adotta le leggi dell’UE, assieme al Parlamento europeo basandosi sulle proposte della Commissione europea
  • coordina le politiche dei paesi dell’UE
  • elabora la politica estera e di sicurezza dell’UE sulla base degli orientamenti del Consiglio europeo
  • firma accordi tra l’UE e altri paesi o organizzazioni internazionali
  • approva il bilancio annuale dell’UE insieme al Parlamento europeo.

Il Consiglio dell’UE non ha membri permanenti, ma si riunisce in dieci diverse configurazioni, ognuna delle quali corrisponde al settore di cui si discute. A seconda della configurazione, ogni paese invia i ministri competenti.

Per esempio, al Consiglio “Affari economici e finanziari” (Consiglio “Ecofin”) , partecipano i ministri delle Finanze di ciascun paese.

Il Consiglio Affari esteri ha un presidente permanente, l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’UE. Tutte le altre riunioni del Consiglio sono presiedute dal ministro competente del paese che in quel momento esercita la presidenza di turno dell’UE. Ad esempio, se si riunisce nel momento in cui l’Estonia esercita la presidenza, il Consiglio “Ambiente” sarà presieduto dal ministro dell’Ambiente estone.

La coerenza generale è assicurata dal Consiglio Affari generali, coadiuvato dal Comitato dei rappresentanti permanenti, composto dai rappresentanti permanenti presso l’UE degli Stati membri, di cui sono in effetti gli ambasciatori nazionali presso l’Unione.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.