AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE DELLA SARDEGNA
Le acque di balneazione
 
info
Le acque di balneazione
La qualità delle acque di balneazione è fondamentale dal punto di vista sanitario e riveste un ruolo primario anche dal punto di vista economico, per settori cruciali come quello del turismo, e dal punto di vista naturalistico, per la conservazione di specie animali e vegetali.
Con 4.921 siti di balneazione su un totale di 13.741 a livello europeo, l’Italia contiene il 35,8% della costa balneabile dell’intero continente europeo.
La balneazione in Sardegna si riferisce solo alle acque del mare e, all’interno della nazione, è la regione con il maggior numero di km di costa e con la maggior percentuale di costa balneabile.
La rete regionale di monitoraggio delle acque destinate alla balneazione, istituita in Sardegna dal 1985, per la stagione balneare 2010 comprende 663 punti di controllo, che vengono monitorati dal 1 aprile al 30 settembre.
Su uno sviluppo costiero totale di circa 2.245 km, sono monitorati per le finalità legate alla balneazione 869 km, mentre 356 km sono interdetti permanentemente alla balneazione per la presenza di zone militari, portuali e industriali, zone di riserva integrale delle aree marine protette. Sono precauzionalmente interdette alla balneazione per potenziale inquinamento, anche per la stagione balneare 2010, 72 km di costa (principalmente foci fluviali). La parte rimanente (pari a 947 km) non è controllata per oggettive difficoltà di accesso (altezza di costa non raggiungibile, isole disabitate, etc.).

Visita il sito dedicato alla Balneazione
contattaci
© 2017 Regione Autonoma della Sardegna