Vai al contenuto della pagina
LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN SARDEGNA

I vantaggi economici dell'assunzione e gli sgravi contributivi

Ricerca: laboratorio d'analisi
Tipologia:
Alta formazione e ricerca
Destinatari:
Imprese
Passo:
1 - L'apprendistato e i suoi vantaggi
Possono stipulare contratti di apprendistato tutti i datori di lavoro appartenenti a tutti i settori di attività, pubblici o privati.

Il contratto di apprendistato consente all'azienda di assumere e formare le nuove professionalità ad un costo del lavoro vantaggioso, in quanto sia la remunerazione che gli oneri previdenziali e assistenziali sono ridotti.

Per quanto riguarda il salario, la legge dà la possibilità di inquadrare l’apprendista fino a due livelli in meno rispetto alla qualifica da conseguire e/o di riconoscere una retribuzione pari ad una percentuale di quella prevista per un lavoratore già qualificato, secondo le indicazioni del contratto collettivo applicato.
Il datore di lavoro che assume con il contratto di apprendistato di Alta formazione e ricerca è esonerato da ogni obbligo retributivo per le ore di formazione svolte nella istituzione formativa. Mentre per le ore di formazione interne all'impresa (a carico del datore di lavoro) è riconosciuta al lavoratore, salvo diversa previsione contrattuale, una retribuzione pari al 10% di quella che gli sarebbe dovuta. (Art. 45, comma 3 del D.Lgs 81/2015)

Inoltre, le imprese che assumono apprendisti possono beneficiare di un regime contributivo agevolato, secondo le specifiche che seguono:
- aziende fino a 9 dipendenti: per le assunzioni effettuate a decorrere dal 1° gennaio 2012 e fino al 31 dicembre 2016 si riconosce alle imprese uno sgravio contributivo del 100% per i primi tre anni di contratto; dal quarto anno è prevista una contribuzione pari al 10% della remunerazione imponibile ai fini previdenziali;
- aziende oltre 9 dipendenti: contribuzione per tutta la durata dell’apprendistato pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.

Anche la contribuzione a carico dell’apprendista è ridotta ed è pari al 5,84% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.

Per l’assunzione di apprendisti in mobilità, infine, le imprese possono beneficiare di un regime contributivo agevolato, pari al 10% del salario per 18 mesi di contratto e in aggiunta ricevono un incentivo pari al 50% dell’indennità di mobilità, se percepita dal lavoratore, per un periodo di 12 mesi (24 se il lavoratore ha più di 50 anni).
Per le assunzioni di apprendisti con contratto di alta formazione e ricerca valgonoi limiti posti dalla normativa generale, che fanno riferimento alla tipologia di impresa (artigiana/non artigiana) e al numero di dipendenti.

La Regione Sardegna sostiene il ricorso ai dottorati di ricerca in apprendistato attraverso i seguenti strumenti:
- Buono Formativo erogato per ciascun apprendista alle Università a titolo di rimborso delle tasse di iscrizione1 e dei costi aggiuntivi per la progettazione ed attuazione delle azioni formative e di ricerca specificatamente legate al percorso di dottorato in apprendistato;
- Contributi alle imprese. (Vedi documenti)