Vai al contenuto della pagina

Sport

La pratica sportiva rappresenta un momento di crescita, di impegno, di aggregazione sociale e quindi di inclusione. Come riconosciuto dalla Commissione Europea nel Libro Bianco sullo sport (2007) "Lo sport promuove un senso comune di appartenenza e partecipazione e può quindi essere anche un importante strumento di integrazione degli immigrati. Per questo è importante mettere a disposizione spazi per lo sport e sostenere le attività relative allo sport, affinché gli immigrati e la società di accoglienza possano interagire pienamente". La valenza dello sport nei processi di integrazione è riconosciuta anche dal Consiglio dell'Unione Europea nelle Conclusioni del 18 novembre 2010 e del 25-26 novembre 2013, in cui esorta gli Stati membri e la Commissione a sviluppare e rafforzare la cooperazione tra le diverse istituzioni su questo tema.

In ambito nazionale, dal 2014 in poi annualmente il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il CONI hanno sottoscritto un Accordo di programma per la realizzazione di attività finalizzate a favorire l'integrazione dei cittadini migranti attraverso lo sport e a contrastare le forme di discriminazione e intolleranza. L'Accordo è stato rinnovato anche per il 2017. In questo quadro, la Regione Autonoma della Sardegna ha attivato nel corso del 2016 una collaborazione stabile con la F.I.G.C. Sardegna, l’Associazione ex Calciatori Rossoblù e il Cagliari Calcio, con l’intento di promuovere il gioco del calcio come veicolo di inclusione.

Nell’ambito di questa collaborazione, ha preso avvio sul finire del 2016 la manifestazione sportiva “Diamo un calcio all’intolleranza” rivolta agli ospiti dei Centri di Accoglienza dell’intero territorio regionale. Le prime giornate, che si sono svolte tra la fine del 2016 e il 2017 presso i Campi di Sa Rodia ad Oristano il Centro Sportivo del Cagliari Calcio ad Assemini, hanno consentito di coinvolgere oltre 200 ragazzi che hanno disputato alcune partite dirette da arbitri professionisti, alla presenza anche delle Associazioni calcistiche del territorio.

Anche nel 2018, sempre in collaborazione con la F.I.G.C. Sardegna e con la partecipazione attiva delle associazioni calcistiche regionali, si è dato seguito alla manifestazione “Diamo un calcio all’intolleranza” con l’intento di promuovere il gioco del calcio come veicolo di inclusione.
La prima manifestazione si è svolta Il 21 febbraio nel Centro della Federazione Italiana Gioco Calcio "Tino Carta", a Oristano, con la partecipazione di migranti e con le rappresentative provinciali dei Giovanissimi, Allievi e Juniores. Il prossimo 19 giugno è previsto il secondo evento.

Nel 2018, la collaborazione, oltre che alla FIGC Sardegna, è stata estesa, attraverso il CONI, anche al mondo dell’atletica leggera. Ciò consentirà di realizzare simili manifestazioni anche con le associazioni dell’atletica leggera, dell’hockey e del basket. La prima manifestazione di atletica leggera si è svolta il 21 aprile presso i campi dell’Amsicora. Nei prossimi mesi sono previsti altri eventi sportivi

Consulta i documenti:
Libro bianco sullo sport dell’11 luglio 2007
presentato dalla Commissione europea al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato delle regioni e al Comitato economico e sociale europeo [COM(2007) 391

  • CONDIVIDI SU:
27 Ottobre 2018, alle ore 9.00, presso i campi dell’Associazione Amsicora in via dei Salinieri 1 a Cagliari, la Regione Autonoma della Sardegna, in collaborazione con il CONI e l’Associazione Amsicora, organizzano una giornata sportiva rivolta ai richiedenti asilo e titolari di protezione.

Durante la manifestazione, organizzata dalla Regione Autonoma della Sardegna, in collaborazione con il CONI e l’Associazione Amsicora, i richiedenti asilo e titolari di protezione potranno effettuare prove pratiche delle varie discipline dell'atletica e piccole gare sotto la guida di tecnici specializzati.

21/04/2018 - Giornata di sport con richiedenti asilo e atleti sardi sabato 21 aprile all'Amsicora. Spanu: momento per favorire il dialogo e l'inclusione

L’evento, promosso dalla Regione in collaborazione con il Coni, si svolge, a Cagliari, allo stadio Amsicora (via dei Salinieri 1) sabato 21 aprile. Alle 11.00, all’apertura della manifestazione, l’assessore agli Affari Generali Filippo Spanu, il presidente del Coni Sardegna Gianfranco Fara, i presidenti dell’Amsicora, Alessandro Dedoni, e della società Cagliari Dinamo Academy, Giovanni Zucca, incontreranno i giornalisti per illustrare le finalità dell’iniziativa.