Vai al contenuto della pagina

Progetto Elen Joy

La Sardegna rappresenta, in virtù della sua conformazione geografica, un’area di primo approdo per i nuovi flussi di migranti. Pur non essendo la meta prescelta per una permanenza a lungo termine, tuttavia, in attesa di un nuovo spostamento verso le regioni più ricche che offrono maggiori possibilità lavorative oppure in attesa dell’ottenimento di un documento di soggiorno, esiste una finestra temporale che espone il migrante al rischio di cadere vittima di reti criminali che possano sfruttarlo nell’accattonaggio o nelle economie illegali.

Nelle città più popolose (Cagliari, Sassari, Quartu Sant’Elena, Olbia, Alghero), si riscontra l’aumento del numero di persone che si prostituiscono sulla strada, una diminuzione dell’età media, un minore livello di alfabetizzazione e conoscenza della lingua italiana, una minore consapevolezza dello stato di soggezione, sfruttamento e pericolo. Con l'aumento esponenziale dei flussi migratori, anche la Sardegna è stata interessata dalla presenza di nuove forme di sfruttamento sommerse, alcune delle quali rispondono ad una specifica esigenza del territorio (cura della persona, assistenza agli anziani, servitù domestica).
Le attività e gli strumenti attivati dalla Congregazione nell’ambito del Progetto riguardano: pronta accoglienza e ricovero immediato delle vittime in fuga; azioni di primo contatto attraverso le Unità di Strada presenti nelle città del nord e sud Sardegna maggiormente interessate dalla prostituzione per favorire l’emersione dei casi di sfruttamento e identificazione delle vittime; accoglienza abitativa; progetti educativi e di intervento sociale; presenza durante gli sbarchi in Porto per l’identificazione precoce delle vittime e potenziali tali; accompagnamento presso i servizi socio sanitari territoriali; supporto psicologico; consulenza legale, orientamento e accompagnamento ai servizi; interventi formativi e di alfabetizzazione; accompagnamento al mondo del lavoro.

Consulta i documenti:
Programma del percorso formativo [file.pdf]
Scarica la locandina [file.pdf]

  • CONDIVIDI SU: