Vai al contenuto della pagina

Cas Cortemalis

Il centro di accoglienza è gestito dalla stessa società e gli stessi dipendenti dal momento dell'apertura, e questo ha permesso di creare un sodalizio e un valore aggiunto all'equipe che presenta peculiarità importanti. Gli operatori che sono impiegati sono tutti operatori professionisti, laureati e specializzati in materie inerenti il diritto d'asilo e il diritto internazionale.

L'attività di mediazione culturale ha permesso di svolgere un'azione di "ponte" tra le numerose culture presenti nel Cas e tra queste e la realtà ogliastrina.
Il processo non è stato semplice, ha richiesto pazienza, dedizione e impegno.
Per poter facilitare l'accesso dei migranti ai vari servizi presenti nel territorio è stato necessario, in primo luogo, decodificare e ben indirizzare i bisogni dei numerosi ospiti del Centro.

Alla base di tale processo è stato necessario costruire, giorno dopo giorno, un rapporto di fiducia e collaborazione tra gli operatori e i giovani richiedenti asilo.
Questo ha significato conoscere, accettare e rispettare i tempi differenti di cui ognuno necessità per potersi aprire agli altri. Dare voce non soltanto a dei bisogni pratici, ma anche al dolore, al senso di perdizione, di inadeguatezza, di paura e di solitudine che molto spesso colpisce uomini e donne migranti e che spesso si rivela in messaggi non verbali, nella cosiddetta "comunicazione non detta".

Il lavoro dei mediatori è stato inoltre quello di interpretare e tradurre i valori condivisi dei differenti gruppi etnici, le scelte soggettive legate ad esperienze individuali e trasferire così queste informazioni all'esterno, senza distorsioni o adattamenti.
Per poter creare un ambiente armonico tra la comunità ospitante e gli ospiti con importanti differenze culturali è stato indispensabile prendere parte ad attività di promozione e divulgazione di progetti di inclusione e integrazione, partecipando costantemente alla rete sociale e dei servizi.

Le attività che si svolgono mirano a soddisfare i fabbisogni primari di ciascun ospite. Oltre ai servizi necessari che vengono svolti a tutela della salute e dell'integrità personale, sono stati adottati una serie di interventi migliorativi al fine di integrare e far interagire gli ospiti della struttura con la popolazione locale. È stata formata una squadra di calcio che compete al campionato Uisp regionale e sta ottenendo discreti successi.

  • CONDIVIDI SU: