Vai al contenuto della pagina

La Sardegna partecipa alla consultazione sulla comunicazione Un'Europa sociale forte per transizioni giuste

La Regione Autonoma della Sardegna, attraverso la collaborazione tra l’Ufficio di Bruxelles ed il Centro Regionale di Programmazione, ha preso parte alla consultazione promossa dal Comitato delle Regioni sulla comunicazione della Commissione europea "Un'Europa sociale forte per transizioni giuste".

La comunicazione, adottata nel gennaio 2020, ha avviato un ampio dibattito sull'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali, al fine di garantire che le tre principali transizioni cui l’UE deve far fronte, conosciute come neutralità climatica, digitalizzazione e cambiamento demografico, siano gestite in modo equo.
Entro dicembre 2020 la Commissione elaborerà un piano d'azione sulla base dei contributi dei portatori di interesse, chiamati a esprimere le proprie posizioni sulla necessità di ulteriori nuove azioni politiche, accompagnate (o meno) da iniziative legislative a livello europeo.

La pandemia legata al COVID-19 ha tuttavia determinato l'urgente necessità di affrontare un'emergenza sanitaria globale e mitigarne le conseguenze socio-economiche. La comunicazione della Commissione europea sarà pertanto oggetto di un nuovo parere del Comitato delle Regioni (CdR), la cui adozione è prevista presso la commissione SEDEC, che si riunirà il 9 luglio, ed in seguito nella sessione plenaria del 12-14 ottobre 2020.

Con la partecipazione alla consultazione, che si inserisce nella fase ascendente del diritto dell’Unione europea, la Regione interviene attivamente nel processo di formazione degli atti normativi e di indirizzo emanati dalla UE in un ambito di interesse regionale strategico.

Per una panoramica sulle opportunità di partecipazione al processo decisionale europeo è possibile consultare lapagina dedicata all'interno di questo portale.

  • CONDIVIDI SU: