Vai al contenuto della pagina

La Regione Sardegna e le Regioni insulari del Mediterraneo unite sul tema dell'insularità nella politica di coesione europea

Con una nota a firma del Presidente Solinas, la Regione Sardegna ha presentato formalmente alla Commissaria per la Coesione e riforme, Elisa Ferreira, il documento di posizione congiunto elaborato nell'ambito del partenariato istituzionale insulare composto da Sardegna, Isole Baleari, Corsica e Gozo.

L’iniziativa, promossa e coordinata dalla Regione Sardegna tramite l’Ufficio di Bruxelles, fa seguito alla Dichiarazione politica sottoscritta nell'ottobre del 2019 dai presidenti delle Regioni Sardegna, Isole Baleari, Corsica e dal Ministro per Gozo del Governo di Malta, per chiedere alle istituzioni dell'Unione europea di integrare la dimensione insulare nelle politiche dell'UE.

Nei primi mesi del 2020 è stata avviata un’azione di coordinamento strutturato tra le Autorità di gestione del FESR e del FSE delle quattro Regioni insulari che ha portato ad un primo confronto tecnico tra le AdG dedicato alle misure necessarie ad affrontare le problematiche insulari.
A seguito del confronto tra le Autorità di gestione, svoltosi a Bruxelles lo scorso gennaio, è stato organizzato un incontro tra le delegazioni regionali di Sardegna, Corsica, Isole Baleari e Gozo e una rappresentanza della DG REGIO per illustrare le misure di maggiore flessibilità necessarie a superare le sfide e i vincoli derivanti dalla condizione insulare.

Questa azione - che non ha precedenti nei processi di negoziazione con la Commissione europea - è culminata con l'elaborazione di un Documento di posizione congiunto sul tema dell'insularità nella politica di coesione europea, sottoscritto dalle massime autorità di governo delle quattro Regioni insulari per richiedere l'adeguamento degli Accordi di partenariato della politica di coesione 2021-2027 - in fase di negoziazione - alle sfide specifiche dei territori insulari.
Il documento, oltre a essere trasmesso alla Commissaria europea per la coesione e le riforme, è stato inviato da ciascuna Regione ai governi centrali dei rispettivi Paesi di appartenenza.

  • CONDIVIDI SU: