PIANO STRAORDINARIO PER IL SULCIS
Salvaguardia del tessuto produttivo
 
info
Portovesme
(risorse pubbliche assegnate: Contratti di sviluppo €90.000.000 risorse PON SIL 2000-2006 - €15.000.000 risorse regionali, €86.168.367 Accordo di programma MISE-RAS-Invitalia per ex Alcoa - risorse statali; Bandi Incentivi Imprese €32.700.000 risorse FSC 2007-2013)


Azioni
> Contratti di sviluppo
> Bandi incentivi imprese
> Area di crisi industriale complessa


Ambito d’intervento che raggruppa azioni finalizzate alla salvaguardia del tessuto produttivo esistente nel territorio del Sulcis Iglesiente oltre che allo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali.

Da un lato, le industrie del polo mineral-metallurgico del Sulcis Iglesiente - la grande impresa, che per lungo tempo ha rappresentato una realtà economica di rilevanza nazionale, è stata investita da una drammatica crisi accentuata anche da quella economica e finanziaria di livello nazionale ed internazionale. D’altro canto, tale crisi ha determinato effetti a catena su imprese, occupazione e redditi del territorio.

Nello specifico delle industrie energivore la crisi è da associarsi al crollo del prezzo dei principali prodotti metallurgici e agli alti costi dell'energia che ne costituisce una vera a propria materia prima. La sopravvivenza di queste industrie è strettamente connessa alla disponibilità di energia elettrica acquisibile a prezzi allineati almeno al mercato europeo.

Nel Piano Sulcis la questione energetica è centrale e, rispetto ad essa, sono stati avviati dei percorsi in stretto raccordo con il Governo nazionale. Azioni e interventi che, nell'ambito della strategia energetica nazionale, sono finalizzati al contenimento dei costi per le imprese energivore, secondo quanto disposto dalla normativa europea, in modo da assicurare condizioni di competitività anche per le attività collocate nel Sulcis Iglesiente.

Nello specifico dello sviluppo del tessuto imprenditoriale del territorio, il Piano prevede azioni di natura incentivante per la nascita e lo sviluppo delle attività produttive.
© 2019 Regione Autonoma della Sardegna