L'ALTRA STAGIONE
Bosa
Bosa Carnevale
Presentazione evento: "S'Attitidu e Giolzi"
“Su Carrasegare Osincu”si rivela come la festa di tutti, in cui gli attori irrompono nelle case e la comunità si riversa nelle strade. E' , indubbiamente, la festa dell’abbondanza, del riso e del godimento.
In effetti, l’evento di un mondo alla rovescia consente l’illusoria sospensione delle regole sociali e permette di ridicolizzare, sotto forma di licenziosità sessuali, norme e istituzioni sociali. La maschera bosana de “S’Attittidu” è un esempio di evasione dai comportamenti consuetudinari. “S’Attittidu” ovvero la maschera nera di una donna che esegue il lamento funebre (s’attittidu) e che, poggiando un bambolotto (il più delle volte smembrato) sul seno delle donne, chiede un po’ di latte (“unu ticchirigheddu ‘e latte”) per tenere in vita il Carnevale che sta morendo. Di fatto il canovaccio del lamento funebre è costruito su una parodia che, in ultima istanza, rimanda ad una generica richiesta di latte rivolta alle donne non mascherate. La richiesta di latte (che poi in pratica si trasforma in richiesta di vino o Malvasia di Bosa), permette di allacciare rapporti metaforici giocati a livello di ambivalenze di allusioni-sessuali.

Col calare delle tenebre la maschera nera de S’Attittidu viene sostituita definitivamente da quella bianca de “Giolzi”.La maschera di Giolzi è realizzata con indumenti molto semplici.E', infatti, formata da un mantello bianco ottenuto da un lenzuolo stretto a faida tra il collo e le spalle.
Il capo viene coperto da un cappuccio ottenuto da una federa di cuscino ed il viso dipinto di nero con fuliggine di sughero o, in questi ultimi tempi, con lucido bianco.
Ogni maschera di Giolzi porta con sé un lampioncino di carta del tipo veneziano, oppure un cestino tradizionale, in vimini e canne (“sa pischedda”), all’interno del quale c’è una candela. (Fonte: Comune di Bosa) fotografia e credits autore: Digital Library

Scheda di presentazione del Comune

Programma degli eventi: programma carnevale 2014

Materiale multimediale:Esterno Brochure Carnevale 2012
© 2018 Regione Autonoma della Sardegna