ACQUISTI PUBBLICI ECOLOGICI IN SARDEGNA
Alla Sardegna il premio “Progetti sostenibili e Acquisti Verdi 2012”
Installa il plug-in per visualizzare il video
La Regione Sardegna, Assessorato della Difesa dell’Ambiente, Servizio Sostenibilità Ambientale (SAVI), ha ricevuto il premio “Progetti sostenibili e Acquisti Verdi 2012” - ideato e promosso da Ministero dell’Economia e delle Finanze e Consip Spa - destinato alle pubbliche amministrazioni e imprese che hanno raggiunto successi significativi in progetti e processi di approvvigionamento impostati con criteri di sostenibilità ambientale.

Il premio è stato consegnato a Roma in data 13 dicembre 2012, con la motivazione seguente:
“L’Amministrazione vince il Premio per il notevole investimento in termini di risorse umane e finanziarie sulle azioni per l’implementazione di un piano sugli acquisti verdi con attività pervasive nei diversi settori di intervento: acqua, rifiuti, energia, ristorazione scolastica, mobilità sostenibile, dematerializzazione flussi informativi, acquisti aggregati, ecomanifestazioni. Gli obiettivi sono chiaramente definiti, il piano di lavoro è organico e strutturato, gli strumenti di monitoraggio identificati. Un eccellente esempio di implementazione dell’approccio agli acquisti verdi a livello regionale che valorizza le realtà imprenditoriali locali.”

La Regione si è distinta tra tutti i partecipanti per l’impegno e le attività realizzate negli acquisti pubblici ecologici e con la campagna “Sardegna Compra Verde”.
Il premio è il riconoscimento del lavoro portato avanti da anni dal Servizio SAVI, che coinvolge tutte le amministrazioni pubbliche con l’obiettivo di ripensare le modalità di acquisto e consumo, mettendo sullo stesso piano la necessità di ridurre i costi economici e quelli ambientali dell’ente.

La campagna costituisce una sistematica azione di intervento sulle varie modalità di espletamento della politica regionale e comprende:
• Definizione di regole: piano d’azione per gli acquisti pubblici ecologici in Regione Sardegna, adottato con DGR 371/16 del 30.07.2009, con obiettivi, responsabili e budget dedicato e linee guida per l’utilizzo di inerti da cava nei lavori pubblici;
• Attività concrete: realizzazione di bandi verdi, erogazione di finanziamenti per l’illuminazione pubblica ad alta efficienza, per lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, per interventi di efficienza energetica negli edifici pubblici; finanziamento di azioni dimostrative di acquisti verdi negli enti locali;
• Supporto agli enti locali: attivazione di ecosportelli GPP presso ciascuna Provincia, servizio di help desk attivabile con semplice email; seminari e laboratori di approfondimento; la comunità di pratica “praticaregpp”;
• Piani di intervento settoriali: per il settore edilizia, agricoltura e turismo. Si sta iniziando a lavorare sulla normativa di settore, alla predisposizione di capitolati di gara tipo e alla realizzazione di progetti pilota che coinvolgano le singole filiere produttive;
• Valorizzazione degli enti virtuosi: con l’individuazione delle buone pratiche e consegna dei premi sia alle imprese che alle pubbliche amministrazioni.

La crisi attuale offre una opportunità per il cambiamento verso la sostenibilità e la valorizzazione di percorsi di sviluppo economico a livello locale: gli acquisti ecologici da parte delle pubbliche amministrazioni costituiscono il traino per lo sviluppo delle green economies a livello regionale. Un’opportunità per fare interventi di razionalizzazione dei processi e dei consumi e di creare innovazione per essere più competitivi.

Il Premio consegnato alla Sardegna è un importante riconoscimento per l’attività svolta e uno stimolo a proseguire e rafforzare l’impegno.

Consulta gli allegati:
foto premio [file.pdf]
foto pergamena [file.pdf]

Loghi Unione Europea e Repubblica Italiana
© 2017 Regione Autonoma della Sardegna