PIANO STRAORDINARIO PER IL SULCIS
Area di crisi industriale complessa
La Giunta regionale ha approvato la Delibera per il riconoscimento dell’Area di crisi industriale complessa Portovesme e relativo indotto (DGR n.49/1 del 13.09.16). L’istanza è stata formulata dalla RAS – Ass.to Industria con la collaborazione dell’Ufficio di Coordinamento del Piano Sulcis.

Con il Decreto del MISE - 13 settembre 2016 - vengono “accertate le condizioni per il riconoscimento di crisi industriale complessa, con impatto significativo sulla politica industriale nazionale, per il polo industriale di Portovesme corrispondente ai Sistemi Locali del Lavoro di Carbonia, Iglesias e Teulada (con l’esclusione dei Comuni di Domus de Maria e Teulada) e coincidente con i 23 Comuni della ex Provincia di Carbonia Iglesias.”
A queste aree sono applicabili i benefici della L.181/89 in base alla quale le imprese che presentano progetti di investimento di almeno 1,5 milioni di euro per l’ampliamento, la ristrutturazione e la delocalizzazione degli stabilimenti produttivi, creando nuovi posti di lavoro, possono ottenere contributi a fondo perduto e mutui a tasso agevolato fino al 75% delle spese ammissibili. La L.181/89 è già operativa in diverse aree di crisi industriali complessa del territorio nazionale.

Per l'area di crisi industriale complessa di Portovesme, è stato costituito con Decreto Ministeriale dell’8 febbraio 2017 il Gruppo di Coordinamento e Controllo (GdCC) per la governance dell’intervento di reindustrializzazione dell’area, con il compito di definire le linee strategiche del PRRI (Progetto di riconversione e riqualificazione industriale) e coordinarne l’attuazione nel territorio. Il GdCC è composto dal MISE, MLPS, MATTM, Ministero Infrastrutture e trasporti, Regione Sardegna, Provincia Sud Sardegna, Comuni di Carbonia e Iglesias, Autorità di sistema portuale del mare di Sardegna.

Il programma è gestito a livello regionale dall’Assessorato dell’Industria. Il PRRI è elaborato da Invitalia con la collaborazione delle istituzioni coinvolte. Le attività sono in corso.

L’8 giugno 2018 è stata avviata la Call per la manifestazione di interesse a investire nell’area. La call per manifestazioni di interesse si è chiusa il 19 luglio 2018.
Per l’Area di Crisi complessa di Portovesme sono state presentate 21 schede progettuali con un valore di in vestimenti pari a 381mln di euro e una occupazione prevista di 1.112 addetti.
A fine dicembre 2018 la Giunta regionale (DGR n.61/3 del 18.12.2018) ha approvato la destinazione del cofinanziamento regionale al programma di investimenti riferito complessivamente alle due Aree di crisi complessa di Portovesme e Porto Torres.


> Consulta - Aree di crisi industrale complessa - MISE
> Consulta - CALL manifestazione di interesse per Area di crisi industriale complessa Portovesme - Invitalia.



Consulta di documenti

Deliberazione della Giunta Regionale n.61/3 del 18 dicembre 2018 [file.pdf]
Decreto Ministeriale MISE del 13 settembre 2016 [file.pdf]
Deliberazione della Giunta Regionale n.49/1 del 13 settembre 2016 [file .pdf]
Deliberazione della Giunta Regionale n.49/1 del 13 settembre 2016 - All. Portovesme [file.zip]
Deliberazione della Giunta Regionale n.49/1 del 13 settembre 2016 - All. Porto Torres [file.zip]
© 2019 Regione Autonoma della Sardegna