Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


home  ›  filmati  ›  Cultura e istruzione  ›  “Isola delle storie” apre una finestra sul mondo nel segno della lettura
“Isola delle storie” apre una finestra sul mondo nel segno della lettura
Tra gli ospiti David Riondino, Peter Probst, Marco Belpoliti, Concita De Gregorio E un misterioso autore, forse un premio Nobel
Con trentamila presenze l’anno, il festival letterario di Gavoi “Isola delle Storie” è uno degli incontri dedicati alla letteratura - con frequenti incursioni nel mondo dell’informazione e nell’attualità - tra i più importanti della scena nazionale. Lo presiede lo scrittore Marcello Fois, all’organizzazione della rassegna collabora anche la scrittrice Michela Murgia. Ma è soprattutto l’impegno dei volontari e dell’intero paese a rendere “Isola delle Storie” un evento unico, soprattutto per un territorio apparentemente distante dal circuito culturale qual è la Barbagia. Negli anni ha ospitato scrittori nazionali e internazionali, vincitori di premi letterari e giornalistici.
di Paolo Merlini In un clima di grande incertezza sui fondi alla cultura, il festival letterario di Gavoi torna quest’anno con un programma comunque di prestigio. L’edizione numero nove del festival Isola delle Storie porterà dal 28 giugno al primo luglio grandi nomi della cultura, dal giornalismo alla letteratura, secondo una formula ormai più che rodata che rende la rassegna di Gavoi una delle più importanti a livello nazionale. Spiccano inoltre nomi dello spettacolo, come quello di David Riondino, chiamato a inaugurare il festival - giovedì 28 giugno alle 22 - accompagnato dal trombettista jazz Riccardo Pittau. I tanti aficionados di Isola delle Storie conoscono ormai il succedersi degli appuntamenti nei tre giorni veri e propri del festival (dunque quest’anno da venerdì 29 giugno a domenica primo luglio), scanditi da un incontro nella prima mattinata, un’altro nella tarda, e poi altri incontri con gli autori dal pomeriggio sino a tarda sera (e a notte inoltrata con il consueto dopofestival, chiamiamolo così, all’osteria di Chiodo). Sabato 29 si comincia alle 10 con un incontro Dal Balcone con uno degli ospiti più interessanti del festival, lo scrittore e sceneggiatore tedesco Peter Probst, introdotto da Michael Braun, corrispondente dall'Italia per la Tageszeitung e firma di Internazionale. Ritroviamo Braun nell’incontro delle 12 nel grande spazio di Sant’Antiocru, per dialogare “Sulla felicità” con il sociologo e saggista Meinhard Miegel e Giorgio Boatti, giornalista e autore di libri di storia contemporanea. Coordina l’incontro il giornalista Giovanni Maria Bellu, che guiderà anche i dibattiti nello stesso luogo, e orario, nei giorni successivi: sabato con lo scrittore Carlo Martigli, ancora Michael Braun e lo scrittore e critico Marco Belpoliti per un confronto “Sulla Inadeguatezza”; domenica in una discussione “Sulla Superbia” con la giornalista Concita De Gregorio e il critico d'arte Luca Beatrice. I pomeriggi del festival cominciano alle 16 con i Reading nel Giardino Comunale e vedono protagonisti lo scrittore Sandro Bonvissuto, Davide Enia, drammaturgo, attore e autore teatrale, e Giulio Cavalli, attore e autore di teatro impegnato in spettacoli che trattano temi di politica e mafia. Debutta anche Liberos, la comunità on line dei lettori sardi nata nei mesi scorsi attorno alla figura di Michela Murgia (tra gli organizzatori del festival, presieduto come sempre da Marcello Fois). Liberos promuove una serie di incontri condotti da Chiara Valerio, editor di Nottetempo: venerdì sono ospiti il critico cinematografico e scrittore Alessandro Stellino e Eva Rossman, autrice tedesca di romanzi criminali, sabato - per il ciclo Scritture giovani - sul palco Giovanni Montanaro, giovane avvocato al suo terzo romanzo già vincitore di numerosi riconoscimenti, e Dan Lungu, professore di sociologia e una delle voci più interessanti della letteratura romena contemporanea. Domenica infine, per l'incontro Scritture poetiche, si confrontano il francese Serge Pey, uno dei più importanti teorici della poesia contemporanea, e Jacek Napiorkowski, tra protagonisti della poesia polacca contemporanea. Negli incontri serali delle 19,30, venerdì l’appuntamento Storie di Altri Luoghi ospita Tess Gerritsen - scrittrice statunitense di gialli, i cui personaggi hanno ispirato la serie tv "Rizzoli&Isles" - intervistata da Alessandra Casella. Filippo La Porta, critico letterario, incontra sabato lo scrittore Alessandro D'Avenia. Per domenica, invece, è atteso un importante quanto misterioso ospite, che gli organizzatori riveleranno solo fra qualche giorno: in attesa di conoscerlo ufficialmente, va detto che da mesi il festival corteggia uno scrittore premio Nobel e può dunque darsi che si sia riusciti ad averlo a Gavoi. I Notturni del festival delle ore 22,30, infine, vedono sul palco venerdì Filippo La Porta e Antonio Pascale, giornalista e autore di reportage, per il ciclo Storie di Altri Luoghi, e sabato 30 giugno il germanista Matteo Galli che introduce il poeta e scrittore tedesco Friedrich Christian Delius.