Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Microcredito: nuovo bando disponibili 27,4 milioni per soggetti svantaggiati. Cappellacci e Manca: "Opportunità per imprese nuove e già operative"

"Con il nuovo bando del Microcredito anche per il 2011 intendiamo sostenere finanziariamente l’avvio di nuove imprese in Sardegna e favorire nuovi investimenti per quelle già operative, dando assoluta priorità alle categorie deboli del nostro tessuto sociale e che hanno difficoltà di accedere al credito bancario. Partiamo dai buoni risultati del primo bando, pubblicato l’anno scorso, che ha permesso di fornire credito a quasi 1.000 realtà imprenditoriali della Sardegna, ma con la consapevolezza che si può fare di più e meglio".

Con queste parole il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, ha annunciato la pubblicazione del nuovo bando del Fondo rotativo Microcredito, finanziato dal Por Sardegna Fse (Fondo sociale europeo) 2007–2013 e che per quest’anno può contare su oltre 27,4 milioni di euro. Il bando sarà pubblicato lunedì prossimo, 4 luglio, sul portale della Regione, su quello della Sfirs (soggetto attuatore dell’iniziativa) e sul sito di Sardegna Lavoro.

"Questo provvedimento, classificato di recente come una delle migliori pratiche a livello nazionale e con cui la Sardegna ha fatto da apripista anche per altre Regioni italiane - aggiungono il presidente Cappellacci e l’assessore regionale del Lavoro Franco Manca - si inquadra nella strategia che la Giunta sta attuando per rilanciare lavoro e occupazione nell’Isola. In questo caso, l’iniziativa è espressamente rivolta a categorie svantaggiate, così come previsto anche dalla strategia di Lisbona che richiama i Paesi Ue alla crescita dell’occupazione, alla promozione dell’inclusione e all’integrazione sociale".

"In un momento in cui accedere al credito bancario appare difficile, e lo è ancora di più per fasce sociali sensibili - sottolinea ancora l’assessore Manca - il nuovo bando sul Microcredito può continuare a essere un’opportunità per assecondare l’elevato tasso di creatività del territorio offrendo una spinta propulsiva alla nostre imprese e all’economia regionale".

Nel dettaglio, il bando prevede la concessione di un prestito a tasso zero (in regime de minimis) che va da 5 mila a 25 mila euro a proposta. Le domande potranno essere presentate ad esempio da lavoratori over 50, giovani disoccupati o inoccupati, cassintegrati, donne, diversamente abili, migranti, nuovi imprenditori (inclusi i titolari di impresa da non più di 36 mesi all’atto di presentazione della domanda).

Per quanto riguarda i settori di attività finanziabili, avranno priorità quelli del turismo, i servizi sociali alla persona, la tutela dell’ambiente, l’Ict (servizi multimediali, informazione e comunicazione), il risparmio energetico ed energie rinnovabili, i servizi culturali e ricreativi, i servizi alle imprese (incluse le consulenze di tipo gestionale, scientifico e tecnico), il manifatturiero, il commercio di prossimità e l’artigianato. La Regione garantirà inoltre, su richiesta, un servizio gratuito di supporto e accompagnamento all'iniziativa imprenditoriale.

Le domande di accesso al Fondo possono essere presentate a partire dal 30 agosto 2011. Altre informazioni potranno essere richieste alla Sfirs anche tramite l'indirizzo mail microcreditofse@sfirs.it.