Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


21.05.12 - offerta ricettiva
Cappellacci: "Per l'Asinara sviluppo turistico sostenibile. No all'eolico off-shore e ritorno detenuti"
Asinara Cala d'oliva

CAGLIARI, 20 MAGGIO 2012 - "La Regione sta portando avanti un progetto di sviluppo turistico sostenibile per l'Asinara. Abbiamo attivato in collaborazione con la Conservatoria delle Coste dei percorsi per realizzare l'albergo diffuso, un centro diving, un centro velico, un ristorante a chilometri zero, ittiturismo e altre attività legate al chartering nautico. Vogliamo che l’Asinara diventi l'emblema di uno sviluppo che porti non solo benessere economico ma anche un miglioramento della qualità della vita nel rispetto dei valori della società sarda." Lo ha dichiarato stamane il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, esprimendo il netto dissenso della Giunta riguardo all’intenzione, riferita da alcuni articoli di stampa, di un’azienda privata di realizzare un impianto eolico off-shore. "La Regione si è opposta e continuerà ad opporsi – ha aggiunto il presidente - a qualsiasi progetto tendente a installare impianti eolici off-shore nei pressi dell’isola. Respingiamo l’idea che qualcuno, alterando la percezione del paesaggio, possa appropriarsi degli scorci più suggestivi della nostra isola per fare business a danno della nostra comunità. Le energie rinnovabili – ha osservato il presidente - devono essere uno strumento per la salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio e devono essere foriere di benefici per l’Isola in termini economici e di qualità della vita. Ogni volta che dietro l’etichetta delle energie rinnovabili si celeranno progetti, che non solo non rispettano tali finalità, ma rappresentano un palese tradimento delle stesse, la Regione si opporrà insieme ai rappresentanti delle comunità interessate. E' incompatibile con la nostra idea del futuro dell’Asinara – ha aggiunto il presidente, ribadendo la posizione espressa durante l’incontro con il ministro Severino - anche con qualsiasi ipotesi di ritorno dei detenuti nell’isola. Preso atto che il ministero della Giustizia porterà avanti i suoi progetti nell’isola di Pianosa e che non si intende compiere forzature senza il consenso delle comunità interessate, con franchezza e con altrettanta fermezza, ho fatto presente che da parte della Regione questo consenso non c'è né vi potrà mai essere, perché qualsiasi piano che prevedesse il ritorno di detenuti sarebbe percepito come un ritorno al passato. Abbiamo invece raggiunto una convergenza delle rispettive volontà - ha concluso Cappellacci - sull'idea di realizzare nell'isola il centro di documentazione Falcone-Borsellino".

Leggi anche la notizia "Asinara. La Spisa: "Assoluta contrarietà alla riesumazione della presenza carceraria e di parchi eolici off shore"

Leggi anche la notizia "Eolico: assessore Zedda riafferma contrarietà a impianti off-shore"



Ultimo aggiornamento: 21.05.12
Condividi su:
Condividi su Delicious
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Yahoo bookmarks
Condividi su diggita
Condividi su Segnalo Alice
Condividi su Reddit
Condividi su Technorati
Condividi su My Space
Condividi su Digg
Condividi su Google Bookmarks
Condividi su Linkedin
Condividi su Virgilio Notizie
contattaci
Creative Commons License 2016 Regione Autonoma della Sardegna