Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Fondi europei, protocollo da 55 milioni firmato da Regione e comune di Cagliari. Paci: modello nazionale, interveniamo su sociale e servizi

Si tratta di fondi europei: una parte di questi, 15 milioni del Por (Programma operativo regionale), sarà utilizzata per l'edilizia popolare a Is Mirrionis e San Michele con il recupero di alcuni stabili. Gli altri 40 milioni sono invece fondi del Pon (Programma operativo nazionale) destinati a Cagliari, città metropolitana individuata come Autorità urbana nel Programma operativo nazionale Metro, e prevedono quattro "azioni".
CAGLIARI, 8 GIUGNO 2015 - Un protocollo d'intesa da 55 milioni di euro per la riqualificazione urbana e l'inclusione sociale di Cagliari è stato firmato dal vicepresidente della Regione, Raffaele Paci, e dal sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, questa mattina nella sala Giunta del Palazzo della Regione in viale Trento. Si tratta di fondi europei: una parte di questi, 15 milioni del Por (Programma operativo regionale), sarà utilizzata per l'edilizia popolare a Is Mirrionis e San Michele con il recupero di alcuni stabili. Gli altri 40 milioni sono invece fondi del Pon (Programma operativo nazionale) destinati a Cagliari, città metropolitana individuata come Autorità urbana nel Programma operativo nazionale Metro, e prevedono quattro "azioni": agenda digitale metropolitana (banche dati), mobilità ciclopedonale, illuminazione pubblica, telecontrollo e telegestione e social innovation (ad esempio autogestione dei palazzi comunali da parte dei condomini). In questo caso, la Regione fornirà al Comune supporto tecnico-logistico.

Per quanto riguarda Is Mirrionis, non si faranno solo ristrutturazioni col riuso dell'hangar del quartiere e di alloggi, ma sono previsti interventi "sociali" anche per aiutare la nascita di nuovi posti di lavoro. "È un momento di forte innovazione, siamo i primi in Italia a fare programmazione unitaria, a mettere insieme le risorse, a intervenire sulle aree urbane e le zone interne e a raccordare il tutto con i programmi nazionali del Pon Metro nel quale Cagliari è una delle 14 aree urbane selezionate - dice il vicepresidente Paci - Questo ci consente di fare interventi mirati, senza sovrapposizioni, mettendo insieme risorse e procedure, per la riqualificazione della città. Questo protocollo d’intesa viene preso ad esempio anche da altre realtà che si sono dimostrate molto interessate a procedere sulla stessa strada. Nella programmazione precedente con i fondi europei abbiamo aperto molti cantieri, fatto interventi infrastrutturali sulle strade e sugli apparati tecnologici. Adesso c’è bisogno di pensare alla coesione sociale e a dare servizi, infatti l’intervento su Is Mirrionis vuole ridare tessuto sociale al quartiere e risposte alla popolazione".

"Siamo intervenuti su Sant’Elia e lo stiamo facendo su San Michele e Is Mirrionis, con una cifra importante per migliorare le condizioni dei cittadini che vivono nel quartiere - dice il sindaco Zedda - Migliorarle dal punto di vista sociale ma anche economico, per le attività produttive presenti nella zona, e urbano con la riqualificazione dei luoghi, anche quelli di aggregazione e incontri. È previsto anche il recupero di strutture pubbliche già esistenti per realizzare servizi di cura socio-sanitaria e il miglioramento della qualità degli spazi di vita nel quartiere, ma quello che fa la differenza - conclude Zedda - è che questa volta gli interventi principali sono di carattere sociale ed economico".

Il direttore del Centro Regionale di Programmazione, Gianluca Cadeddu, sottolinea proprio l'inedita collaborazione fra due amministrazioni, quella regionale e quella comunale. "Credo che siamo le uniche amministrazioni in Italia a collaborare prima dell’approvazione del programma da parte di Bruxelles, anzi le altre neanche si parlano, per decidere cosa fare e come farlo. Abbiamo una grande responsabilità rispetto a queste risorse – sottolinea Cadeddu - dobbiamo usarle rispettando i tempi e usarle bene, e per questo è fondamentale la collaborazione: perché altrimenti i soldi che si perdono, quelli che non vanno a Cagliari, non è che vengono dirottati altrove, se ne tornano a Bruxelles".