Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


A San Gavino una nuova stazione ferroviaria e il doppio binario

Inaugurata la nuova stazione ferroviaria di San Gavino, terzo scalo della Sardegna per numero di passeggeri dopo Cagliari e Sassari. Completati anche il lavori per il doppio binario che collega il paese del Medio Campidano a Sanluri Stato.
Trasporto ferroviario
CAGLIARI, 10 SETTEMBRE 2007 (ANSA) - Procedono a ritmo sostenuto i lavori di potenziamento infrastrutturale e tecnologico della rete ferroviaria sarda. A partire da oggi i treni delle Ferrovie dello Stato fra Decimomannu e San Gavino percorreranno i primi sette chilometri di linea a doppio binario ed i viaggiatori potranno utilizzare la nuova stazione di San Gavino. Un totale di 11,5 chilometri di binari nuovi, sette doppi e 4,5 singoli - spiega una nota delle FdS - attraversati da quattro nuovi ponti ferroviari, sei cavalcaferrovia, e due stazioni, quella nuova di San Gavino e quella ristrutturata di Sanluri.

Il raddoppio dei 7 km iniziali (San Gavino-Sanluri) è la prima tappa del progetto di potenziamento che porterà, entro la fine del 2008, a 38 chilometri di linea a doppio binario fra Decimomannu e San Gavino. Nella realizzazione dei lavori particolare attenzione è stata rivolta ai collegamenti viari e a decongestionare il traffico cittadino. Tutti i passaggi a livello sono stati eliminati e sostituiti con opere stradali alternative (cavalcavia e rotonde) potenziando così la rete stradale, urbana ed extraurbana, del territorio.

I nuovi ponti ferroviari sono stati progettati nel rispetto del territorio circostante e dello studio idrogeologico della zona per facilitare il deflusso delle acque. L'opera principale di questa prima fase è la stazione di San Gavino, realizzata, in accordo con il piano urbanistico del Comune, in prossimità dell'ospedale cittadino. La stazione, con i suoi cinque binari dedicati al servizio viaggiatori, è stata inserita in un nuovo tracciato, riducendo così il percorso dei treni di oltre 600 metri ad una velocità di 150 km/h a fronte dei 110 km/h precedenti. La prima fase dei lavori ha richiesto un investimento di oltre 36 milioni di euro, di cui sette destinati al nuovo terminal viaggiatori, iniziato ad aprile 2006. Per l'intero intervento di raddoppio della linea Decimomannu-San Gavino è previsto un investimento di oltre 215 milioni di euro. (ANSA).