Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sa Die de sa Sardigna 2008 dedicada a sa limba sarda

"Sa limba sarda pro nois podet èssere unu fatu finas econòmicu, ca in su mundu pro comente est como sunt sas diferèntzias e sas diversidades chi nos podent dare una manu de agiudu pro sighire a andare a in antis". Su Presidente de sa Regione, Renato Soru, pro sa tzerimònia tzelebrativa de sa Die de Sa Sardigna in su Consìgiu Regionale, at fatu sa relata sua totu in sardu.
CAGLIARI, 28 APRILE 2008 - "Ammentamus una die de rebellia de sos sardos cun s'idea chi finas oe nos depimus ribellare, ma chi sa rebellia de sa Sardigna de oe est s'intelligènzia, s'istrutzione, sa limba". Sunt forsis sas paràulas prus de significu chi su Presidente de sa Regione, Renato Soru, at naradu oe in Consìgiu regionale pro sa setziada distinta chi su Parlamentu sardu at dedicadu a sa Die de Sa Sardigna. "Non faghimus custas manifestatziones pro nàrrere chi depet èssere un'òbligu a faeddare in sardu semper e in totue - at annantu Renato Soru - ma ca amus cumpresu chi nos ant furadu, o chircadu de furare, sa limba nostra e depimus a calicuna manera chircare remèdiu". Non fiat mai costadu in s'istòria de su Consìgiu chi unu presidente esseret faeddadu in sardu pro un'ocasione ufitziale. "Sa limba sarda pro nois podet èssere unu fatu finas econòmicu - at naradu galu Soru - ca in su mundu pro comente est como sunt sas diferèntzias e sas diversidades chi nos podent dare una manu de agiudu pro sighire a andare a in antis. Si oe in die in Sardigna su sardu s'esseret giai ispèrdidu, ite diat èssere s'ìsula nostra prus rica o prus pòbera? Deo penso prus pòbera". In antis de sa ghia de su guvernu regionale aiant faeddadu su Presidente de su Consìgiu, Giacomo Spissu, chi at printzipiadu sas tzelebratziones in s'àula de carrera Roma in Casteddu e s'istòricu Federico Francioni, chi at acumpridu una relata totu in sardu subra sos acadessimentos istòricos de su 28 abrile 1794 a sos cales s'ispirat sa Die. A segus unos cantos artistas ant cantadu mùsicas traditzionales e s'innu patriòticu iscritu dae Frantziscu Innàtziu Mannu in sos annos de sa rebellia contras a sos abusos de sos dominadores. In concluos sas partes prus connotas de Procurade 'e Moderare las ant cantadas a sa ritza s'àula, su pùblicu e sas autoridades presentes.


Sa Die de sa Sardigna 2008 dedicata alla lingua sarda

"Ricordiamo un giorno di ribellione dei sardi con l'intenzione di ricordare che anche oggi dobbiamo ribellarci con l'intelligenza, l'istruzione, la lingua". È forse il messaggio più significativo che il Presidente della Regione, Renato Soru, ha oggi lanciato in Consiglio regionale per la seduta solenne che l'assemblea ha dedicato alle celebrazioni di Sa Die de sa Sardigna. "Non facciamo queste manifestazioni per sostenere che deve essere un obbligo parlare il sardo sempre e in ogni occasione - ha aggiunto Renato Soru - ma perché abbiamo capito che in passato ci hanno sottratto, o hanno cercato di sottrarci, la nostra lingua e dobbiamo in qualche modo cercare di porre rimedio". Non era mai capitato, prima di oggi, che un Presidente della Regione prendesse la parola in sardo durante una seduta ufficiale del Consiglio regionale. "La lingua sarda per noi può avere anche rilievo economico - ha detto ancora Soru -, per il semplice fatto che nel mondo contemporaneo sono le differenze che ci possono aiutare per migliorare. Se oggi in Sardegna nessuno parlasse più sardo, la nostra isola sarebbe più ricca o più povera? Io penso che sarebbe più povera". Poco prima di Soru avevano preso la parola il Presidente del Consiglio regionale, Giacomo Spissu, inaugurando la manifestazione in aula, e lo storico Federico Francioni che ha letto una ricostruzione (in sardo) dei fatti del 28 aprile 1794 ai quali si ispira la giornata commemorativa odierna. La parte musicale è stata affidata ad alcuni artisti che hanno presentato musiche tradizionali e l'inno patriottico sardo scritto da Francesco Ignazio Mannu negli anni del triennio rivoluzionario. Al termine le strofe più conosciute di Procurade 'e Moderare sono state cantate in piedi dall'aula, dal pubblico e dalle autorità presenti.


Link correlati:
- Consulta il programma de "sa Die de sa Sardigna" nel portale SardegnaCultura
- Visita la sezione bilingue dedicata alla lingua sarda nel portale SardegnaCultura