Logo Regione Autonoma della Sardegna
INTERNATIONAL TENDERS IN SARDEGNA
costeras  ›  domande  ›  quesito 3
Quesito 3
1. In quale misura il piano d'assetto dell'avamporto di levante è vincolante ai fini dello sviluppo del progetto di riqualificazione dell'area di Giorgino? 2. È da assumersi come punto di partenza o si possono liberamente proporre soluzioni alternative, in particolare sul posizionamento delle aree industriali. 3. Quali sono i limiti fisici dell'area da progettare? Solo la parte di Giorgino a est dell'imbocco del porto canale, o anche la parte ovest? E a nord?
Risposta
1. La proposta ideativi di concorso considera gli strumenti urbanistici vigenti sull'area per gli elementi di riflessione suggeriti, i quali, così come indicato nella scheda sulla borgata, "non sono da ritenersi vincolanti, il soggetto concorrente potrà ampliarli ed integrarli con altri derivanti dallo studio della borgata e delle sue relazioni con il contesto di riferimento";
2. Sono possibili soluzioni alternative di posizionamento delle aree industriali in quanto la scheda informativa del bando ammette "l'eventuale delocalizzazione delle attività industriali contigue presenti";
3. I limiti fisici minimi dell'area di riferimento della proposta ideativa sono i confini della borgata delimitati univocamente dagli elementi geografici infrastrutturali ed insediativi convalidati. I concorrenti sono poi liberi di spaziare oltre la perimetrazione minima in funzione del sistema di relazioni della borgata col contesto che intendono sviluppare nella proposta ideativi.
In collaborazione con l'Istituto Nazionale di Architettura
© 2019 Regione Autonoma della Sardegna