Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Editoria e informazione

editoria e informazione
L'Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport partecipa ad alcune delle più importanti rassegne espositive in Italia ed all'estero.

Dal 1984, anno della prima partecipazione alla Fiera del libro di Francoforte, l’Assessorato ha ampliato e sempre meglio coordinato la sua attività, sviluppando differenti tipologie d’intervento, nella convinzione che la promozione dei prodotti migliori dell’editoria regionale presso sedi prestigiose, come le fiere di Francoforte, Torino, Bologna, significhi valorizzare la storia, l’ambiente, i beni culturali della Sardegna, le identità culturali locali, ed insieme sia occasione, per la parte migliore e più coraggiosa dell’imprenditoria regionale, di confronto, di contatti, e, quindi, di crescita, oltre che di promozione commerciale.

Dal 2000 l’Assessorato, insieme al Comune di Macomer ed all’Associazione Editori Sardi, AES, organizza, in quella sede, la Fiera del libro, che è diventata occasione per presentare al pubblico sardo un panorama, il più ampio e completo possibile, dei diversi temi dell’editoria regionale, anche quelli di ambito più specificatamente locale, non adatti alle sedi espositive nazionali ed internazionali, per le quali occorre, invece, operare in termini più selettivi.

L’integrazione delle risorse provenienti dalla Legge regionale n. 22 del 1998, che autorizza la Regione ad assumere iniziative finalizzate alla promozione del libro edito in Sardegna, con quelle riferite all’attività di pubblicità istituzionale, promozione e tutela delle attività produttive e sociali e della stessa immagine della Regione, provenienti dalle Leggi regionali n. 6 del 1995 art. 83 e n. 17 del 2000 art. 5, consente di svolgere anche un’attività di promozione in senso più ampio, non solo rivolta all’editoria regionale. Dal 2001, infatti, l’Assessorato partecipa al Salone dell’arte del Restauro e della conservazione dei Beni Culturali e Ambientali, presentando al pubblico la propria attività nell’ambito della tutela e valorizzazione dei beni culturali e librari.

Elemento importante di novità introdotto nell’anno in corso è quello di aver promosso la partecipazione delle scuole della Sardegna a questi eventi, con la presenza “in loco” di alcune classi scelte per aver realizzato interessanti progetti didattici.
Nel corso degli anni si sono meglio individuati ed affinati gli elementi che caratterizzano gli stand della Regione presso le sedi di queste manifestazioni: l’allestimento, prima di tutto; il contenuto espositivo; i materiali promozionali, non solo specificatamente editoriali, ma riguardanti anche l’immagine più complessiva della Sardegna; le attività tecniche, culturali, di spettacolo e di animazione, che ruotano intorno alla principale attività espositiva.

Questa attività dinamica, di anno in anno rivista e aggiornata, è resa possibile anche dal confronto continuo con i diversi soggetti che concorrono alla realizzazione di questa particolare attività, promossa e finanziata dalla Regione, editori, operatori dei diversi Servizi dell’Assessorato, Associazione degli Editori Sardi, Enti, strutture educative, Scuole, ecc., con i quali il dibattito è sempre in corso.