Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Zootecnia

zootecnia
Oggi la zootecnia deve puntare su tipologie di allevamento che siano rispettose dell'animale, dell'ambiente e del consumatore.

L’Unione Europea incentiva la diffusione della zootecnia biologica come garanzia di qualità. Anche il Piano di Sviluppo Rurale 2000-2006 prevede misure di sostegno alle aziende che si impegnano a puntare sul biologico, riducendo l'uso di numerosi prodotti di sintesi.

Il ruolo della Regione
In materia di zootecnia, la Regione svolge funzioni di coordinamento della ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica. Si occupa di interventi per O.M.F., meccanizzazione agricola, impianti collettivi per la raccolta, la lavorazione e trasformazione dei prodotti zootecnici. Predispone interventi per il miglioramento del bestiame, sviluppo delle produzioni, riproduzione animale. Svolge interventi di tutela del mercato. Emana Direttive e Pareri e verifica l'attività degli Enti ed Organismi vari nelle materie di competenze. La Regione dà anche direttive di attuazione sugli interventi strutturali di prevenzione dell'infezione della "lingua blu" negli allevamenti ovini.

Quote Latte
La Regione si occupa anche della gestione del regime delle quote latte, secondo quanto previsto dalla legge 119/2003. Sulla base di un regime normativo emanato dall’UE a partire dal 1984 per stabilizzare la produzione di latte bovino, a ogni stato membro è assegnato un quantitativo di latte producibile. Tale quota è poi suddivisa in modo che ogni azienda abbia un su quantitativo individuale di latte autorizzato alla vendita. Tra le competenze della Regione ci sono: tenuta e aggiornamento degli archivi dei dati catastali e di consistenza della quota per le aziende; tenuta e aggiornamento dell’albo regionale degli acquirenti di latte vaccino; adeguamento quota dei produttori al quantitativo effettivamente commercializzato.