Vai al contenuto della pagina

Il Contratto di Fiume

Il Contratto di Fiume è uno strumento volontario di programmazione strategica e negoziata che persegue la tutela, la corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione dei territori fluviali unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico, contribuendo allo sviluppo locale.
Il Contratto di Fiume è uno strumento operativo il cui obiettivo principale è supportare la gestione intercomunale delle trasformazioni del territorio, tramite una gestione condivisa delle problematiche ambientali e territoriali emergenti di una specifica area che si concretizza nell’integrazione e nel coordinamento dei piani e programmi già esistenti.
Il Contratto di Fiume è caratterizzato dalla presenza di volontarietà, inclusione, collaborazione ed assunzione di impegni reciproci.
Il Contratto di Fiume è:
• un processo decisionale ad ingresso volontario, ovvero nessun soggetto è obbligato ad aderirvi;
• aperto, in quanto chiunque a vario titolo interessato può aderire;
• un impegno dei partecipanti poichè tutti gli aderenti sono chiamati a collaborare attivamente alla formulazione e implementazione della decisione comune;
• vincolante dal momento che gli impegni contrattuali sono regolati da obblighi, anch’essi definiti congiuntamente tra gli attori.
Il Contratto di Fiume rappresenta quindi una misura la cui adozione non è obbligatoria, ma una volta individuato come strumento di lavoro, l’esito della contrattualizzazione deve stabilire degli impegni, il rispetto dei quali sarà verificato nell’ambito dello stesso processo. Questo anche alla luce del fatto che la Relazione sulle misure non strutturali del Piano di Gestione del rischio di Alluvioni prevede espressamente che, a fronte di tali impegni assunti dai sottoscrittori, il Contratto di Fiume può “identificare azioni per la riduzione degli effetti delle alluvioni e contestualmente per la attenuazione controllata dei vincoli della pianificazione dell’assetto idrogeologico”.
Il Contratto di Fiume prevede modalità operative volte a favorire il rispetto degli impegni attraverso meccanismi premianti o sanzionatori.
L’adesione al processo deve intendersi volontaria e non vincolante per la sottoscrizione finale dell’atto programmatico che sostanzierà il Contratto di Fiume, ma comporta la condivisione degli impegni definiti nella dichiarazione di intenti preliminare alla sottoscrizione del contratto.

  • CONDIVIDI SU: