Vai al contenuto della pagina

CORSO DI AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE CHE FORMERÀ I CACCIATORI DI CINGHIALE

PSA Laore formazione cacciatori

Cagliari, 29 giugno 2017 – Si è tenuto oggi a Cagliari, nella sede dell’Agenzia Laore Sardegna, il corso di aggiornamento organizzato da Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna, ATS, Assessorato dell'Ambiente e Corpo forestale di Vigilanza ambientale (CFVA) rivolto al personale Laore che, nei prossimi giorni, inizierà a tenere i corsi di formazione dei cacciatori al cinghiale. I referenti delle compagnie di caccia e i loro sostituti sono infatti tenuti, secondo la normativa per l’eradicazione della Peste suina africana, a seguire i corsi di formazione così da poter garantire la mappatura della presenza della malattia nel selvatico e quindi accompagnare le azioni di contrasto alla diffusione del virus. Sono esonerati dall’obbligo di formazione coloro i quali abbiano ottenuto un attestato di avvenuta formazione per la precedente annata venatoria. I corsi, organizzati e programmati dall’Agenzia agricola in un solo incontro di circa due ore, saranno tenuti dal personale specializzato di Laore, dei Servizi veterinari dell’ATS e del CFVA. La formazione obbligatoria si rivolge inoltre ai titolari delle aziende agrituristiche venatorie (AATV), delle Zone addestramento cani (ZAC), degli allevamenti di cinghiali a scopo di studio e ripopolamento e ai presidenti delle zone in concessione per l’esercizio della caccia autogestita. La scorsa stagione, in quasi cento incontri organizzati su tutto il territorio regionale, l’Agenzia Laore ha formato oltre 5 mila cacciatori. Gli appuntamenti, già calendarizzati e consultabili su questo link goo.gl/G6cSHu, si dovranno tenere entro il 31 ottobre 2017.

Autorizzazioni e scadenze
. Secondo la normativa vigente in materia di lotta alla PSA, la caccia al cinghiale è vietata su tutto il territorio regionale in forma non censita, consentendola solo ai cacciatori censiti e/o autorizzati. Tali cacciatori, comunque organizzati, individuano e comunicano, entro i termini previsti, ai Servizi veterinari competenti per territorio il nominativo del cacciatore referente e del suo sostituto che devono garantire il rispetto delle prescrizioni sanitarie e gestionali. Per le zone infette si deve chiedere entro il termine improrogabile del 30 luglio 2017 l’autorizzazione in deroga allo svolgimento della caccia al cinghiale o il rinnovo dell'autorizzazione dell'anno precedente. Per i macroareali non infetti è invece necessario inviare le comunicazioni entro e non oltre il 30 settembre 2017.

Raccolta campioni. Le prescrizioni previste per le attività venatorie al cinghiale prevedono la raccolta da parte dei cacciatori, su tutti gli animali abbattuti nell’intero territorio regionale, di un campione di diaframma per le analisi sulla trichinella. Per i controlli sulla PSA è invece necessario, nelle zone bianche non infette dal virus, fare un prelievo di sangue su almeno 59 capi abbattuti per macroareale, mentre nelle zone rosse infette i prelievi di sangue, oltre alla milza, riguardano tutti i capi abbattuti. Nella stagione 2016-2017 sono stati conferiti dai cacciatori 15673 campioni che, dalle analisi fatte nei laboratori dell’IZS, hanno dato le risultanze di 237 casi sieropositivi e 39 virus positivi

I cinghiali in Sardegna. La presenza dei cinghiali stimata nei diversi territori dell’Isola si aggira intorno ai 90mila esemplari.

Relatori e temi della formazione. Nelle attività di oggi, Sandro Rolesu dell’IZS ha fatto il punto sulla presenza della PSA nei cinghiali, mentre Sandro Masala dell’ASSL Sassari ha illustrato gli aspetti sanitari del quarto provvedimento emanato dall’UdP in vista della prossima stagione di caccia al cinghiale 2017-2018. Davide Brugnone, dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente, ha fatto il punto sulla distribuzione dei cinghiali in Sardegna e Maria Onnis del CFVA ha invece spiegato gli aspetti sanzionatori previsti dalla normativa.

  • CONDIVIDI SU: