Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sociale, Arru e Mura a congresso regionale di Legacoop

"Siamo consapevoli delle difficoltà che vivono le cooperative sociali e come istituzioni siamo intervenuti, e continuiamo a farlo, per sostenere il sistema", ha detto nel suo intervento l’assessora del Lavoro, Virginia Mura.
Sociale
CAGLIARI, 10 NOVEMBRE 2017 - Sociale e lavoro, sono i temi affrontati dagli assessori del Lavoro, Virginia Mura, e della Sanità, Luigi Arru, nel corso dell’Assemblea congressuale delle Cooperative sociali, in programma questa mattina a Cagliari. "Siamo consapevoli delle difficoltà che vivono le cooperative sociali e come istituzioni siamo intervenuti, e continuiamo a farlo, per sostenere il sistema", ha detto nel suo intervento l’assessora del Lavoro, Virginia Mura.

"La Sardegna si sta lasciando alle spalle un lungo periodo di crisi. Un ruolo fondamentale in questa fase di ripresa lo ha svolto e lo sta svolgendo il terzo settore, sia per quanto riguarda l’aspetto lavorativo sia nell’ambito dell’inserimento dei soggetti svantaggiati. È necessario che mondo della cooperazione e istituzioni pubbliche programmino nuovi servizi, consolidando sempre di più il rapporto fra la Regione e le imprese sociali esistenti sul territorio. Come cittadina - ha sottolineato l’assessora Mura - auspico che gli utenti abbiano sempre più servizi di qualità, come assessora del Lavoro ritengo indispensabile che i lavoratori delle cooperative abbiano la giusta remunerazione, nel rispetto del contratto nazionale di lavoro. Dobbiamo puntare a ridurre il precariato e, al tempo stesso, rafforzare il sistema delle imprese sociali che, soprattutto in Sardegna, hanno dimostrato un’ottima capacità di risposta nell’affrontare i problemi legati alla crisi”. L’assessora Mura si è poi soffermata sul sostegno finanziario nei confronti delle cooperative sociali. I finanziamenti regionali ordinari in conto occupazione, previsti dalla legge 16/97, pari a 1 milione 100 mila euro, nel 2017 hanno dato risposte a 40 cooperative; mentre con la legge 5/57 la Regione ha erogato 1 milione e 700 mila euro ad altre 58 cooperative sociali per contributi in conto capitale. “Il bando – ha ricordato l’assessora Mura – è stato pubblicato a marzo e i pagamenti sono in corso. Abbiamo anticipato i tempi, visto che negli anni precedenti il bando veniva pubblicato a ottobre”. Per l’assessore Arru “reiteriamo modelli organizzativi che non tengono conto dell’epidemiologia e dell’invecchiamento della popolazione sarda. È necessario metter mano al sistema dell’accreditamento e provare a riscrivere rapidamente un piano dei servizi alla persona. È fondamentale – ha ribadito l’assessore - chiedersi se strumenti come la legge 162, di sostegno alle disabilità gravi e gravissime, rispondano realmente al bisogno di chi ne beneficia: finanziamo oltre 38 mila piani, poco più di 24 mila di questi sono per persone anziane non autosufficienti e con ISEE molto basso. Investiamo quasi 210 milioni, tra risorse regionali, nazionali ed europee, per il Fondo della non autosufficienza e dobbiamo chiederci che impatto hanno queste risorse, quale ricaduta sui territori".