Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sardegna Vinitaly. Incontri con buyer e stampa estera e la presentazione di Vermentino e Carignano. Caria visita stand e si confronta con aziende

Nel faccia a faccia sono stati presentati e degustati, in abbinamento con prodotti tipici sardi, alcuni dei più importanti vini regionali: Nuragus, Vermentino, Cannonau, Carignano e Vernaccia.
Agricoltura vigneti uva vendemmia vino
CAGLIARI, 16 APRILE 2018 - La seconda giornata istituzionale della Regione Sardegna, nella 52esima edizione del Vinitaly, si è aperta stamattina alle 10 con l'incontro di una delegazione di giornalisti specializzati e buyer provenienti dall'Asia: soprattutto Giappone e Taiwan. Nel faccia a faccia sono stati presentati e degustati, in abbinamento con prodotti tipici sardi, alcuni dei più importanti vini regionali: Nuragus, Vermentino, Cannonau, Carignano e Vernaccia. La delegazione ha poi visitato gli stand del Padiglione 8 della Fiera dove sono riunite, nella collettiva regionale, ben 72 delle 97 aziende sarde presenti a Verona.

Vermentino e Carignano. Due le tavole rotonde tematiche che hanno animato le attività di oggi: di mattina quella dedicata al Vermentino e nel pomeriggio al Carignano. Sale strapiene, con diverse decine di persone in lista d’attesa, in entrambe le iniziative. Dalle 11.30 alle 13 si è tenuto l’appuntamento “La Sardegna dei Territori: il Vermentino della Gallura, di Usini, di Serdiana e di Alghero”, con una tavola rotonda a cui hanno partecipato Giancarlo Gariglio, Slow Wine, Giuseppe Carrus, del Gambero Rosso, Pier Paolo Fiori, dell’Agenzia Agris Sardegna. L’incontro si è concluso con una degustazione guidata di 4 vini accompagnati da prodotti della tradizione agroalimentare sarda.
Dalle 16.30 alle 18 i riflettori hanno puntato sulle terre sud occidentali dell’Isola, nel Sulcis, con "La Sardegna dei Territori: Il Carignano di Sant’Antioco, Calasetta, Santadi, Giba”. Sono intervenuti alla tavola rotonda: Antonio Boco, Winenews e Gambero Rosso, Giuseppe Carrus, Gambero Rosso, e Pier Paolo Fiori, Agris Sardegna. Come da scaletta è seguita anche in questo caso una degustazione guidata di 4 vini accompagnati da prodotti della tradizione.

L'assessore. Una giornata dedicata al confronto e all’ascolto delle aziende vitivinicole isolane, quella che ha caratterizzato oggi la presenza dell’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, fra gli stand del Veronafiere. “Ho visitato gli spazi occupati dalle nostre aziende – ha spiegato l’esponente della Giunta – e mi sono fermato a parlare con i nostri imprenditori per conoscere meglio criticità ed esigenze che cambiano da territorio a territorio. Fra i numerosi temi affrontati è certamente quello del sostegno alla promozione all’estero che unisce il comparto vitivinicolo sardo. Un mondo dinamico, molto operoso, dalle produzioni di elevata eccellenza e che guarda ai mercati internazionali con estremo interesse. Ho ricordato che come Giunta abbiamo messo in campo non solo alcune Misure specifiche del Programma di sviluppo rurale, ma anche strumenti studiati ad hoc dall’Esecutivo per sostenere le azioni di marketing e di internazionalizzazione. Qualora venissero individuati e proposti dalle cantine nuovi tipi di interventi - ha concluso Caria - non mi sottrarrò dal sostenerli e dall’incentivarli, compatibilmente con la capacità di movimento finanziario, attraverso il recupero di nuove risorse".
La giornata di domani sarà dedicata al Moscato, al Cannonau e quindi alla premiazione del Concorso internazionale Grenache du Monde.

Leggi anche l'articolo del 15 aprile 2018 "Sardegna Vinitaly, la vernaccia del 2004 di Silvio Carta conquista l'olimpo dei vini alla prestigiosa rassegna internazionale di Verona"