Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Edilizia sociale, approvato programma in 16 Comuni da 13,3 milioni

L'assessore Sannitu sottolinea la rilevanza dell’intervento: "Si tratta di un programma importante, che finanzia progetti particolarmente innovativi in ambito urbano, finalizzati a soddisfare la domanda sempre crescente di edilizia sociale a canoni calmierati".
case
CAGLIARI, 15 DICEMBRE 2010 - La Giunta regionale, su proposta dell’assessore dei Lavori pubblici, Sebastiano Sannitu, ha finanziato un programma di intervento per l’edilizia abitativa a canone sociale con 13,3 milioni di risorse statali. Il programma prevede un parco progetti articolato, già precedentemente ammissibile ma privo di copertura finanziaria. L’assessore Sannitu sottolinea la rilevanza dell’intervento: “Si tratta di un programma importante, che finanzia progetti particolarmente innovativi in ambito urbano, finalizzati a soddisfare la domanda sempre crescente di edilizia sociale a canoni calmierati”.

In particolare, 15 insediamenti di edilizia residenziale pubblica a canone calmierato e la proposta “Contratto di quartiere II Su Mulinu”, avanzata dal Comune di Monserrato. I quindici Comuni dove si realizzeranno gli insediamenti di edilizia sociale sono: Sorgono, Uras, Nurallao, Orgosolo, Bultei, Siurgus Donigala, Aritzo, Villanovafranca, Sorradile, Cossoine, Semestene, Tresnuraghes, Padria, Loceri e Ozieri. In ciascuno di questi centri è previsto l’acquisto e il recupero di edifici preesistenti, da trasformare in abitazioni, che saranno poi affittate a canoni accessibili. Il progetto di Monserrato prevede invece diverse strutture, tra le quali centri di aggregazione e prima accoglienza, impianti sportivi e alloggi comunali risanati.