Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Cappellacci: Tirrenia? un'interruzione di pubblico servizio durata 50 anni

"Non è accettabile che per l'ennesima volta siano i Sardi a fare le spese di quanto avvenuto presso il porto di Civitavecchia. Auspichiamo che questo sia l’ultimo capitolo di una triste storia fatta di disservizi, di ritardi, di mancanza di rispetto verso il diritto alla mobilità dei Sardi", ha detto il presidente Cappellacci.
Traghetti tirrenia
CAGLIARI, 6 FEBBRAIO 2012 - "La storia della Tirrenia è un'interruzione di pubblico servizio durata cinquant'anni". Così il presidente della regione Ugo Cappellacci commenta la rimodulazione dei collegamenti marittimi decisa dalla compagnia dopo l'incidente occorso alla nave Sharden, secondo la quale la linea Civitavecchia-Arbatax-Cagliari, servita dal traghetto Aurelia assume temporaneamente frequenza trisettimanale, con due approdi ad Arbatax. "Non è accettabile che per l’ennesima volta siano i Sardi a fare le spese di quanto avvenuto presso il porto di Civitavecchia. Auspichiamo che questo sia l’ultimo capitolo di una triste storia fatta di disservizi, di ritardi, di mancanza di rispetto verso il diritto alla mobilità dei Sardi e che vengano rilevate le anomalie di una vendita che non farebbe altro che tenere in vita, sotto altre insegne, un carrozzone del passato. La Sardegna continuerà a rivendicare il ruolo che ad essa spetta nella politica dei collegamenti marittimi, con la consapevolezza che solo con il superamento del “modello” Tirrenia si potranno avere collegamenti efficienti, con standard qualitativi elevati, a prezzi che non oscillino in base all'umore dell’armatore di turno".

Tirrenia: Solinas, avvieremo azioni a difesa e tutela dei diritti del popolo sardo