Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Giunta approva Piano d'azione regionale per energie rinnovabili

"La volontà della Regione - afferma l'Assessore - è di orientare i produttori e gli operatori del mercato verso un mix energetico equilibrato e funzionale al conseguimento degli obiettivi dettati dagli obblighi comunitari e nazionali".
Pannelli fotovoltaici energia alternativa rinnovabili
CAGLIARI, 21 MARZO 2012 - La Giunta regionale, su proposta dell’assessore dell'Industria, Alessandra Zedda, ha approvato il Documento di indirizzo sulle fonti energetiche rinnovabili.

Il provvedimento, in linea con gli obiettivi e le strategie comunitarie e nazionali, punta a ridurre i consumi energetici e la dipendenza da fonti di energia tradizionali, promuovendo il ricorso alle fonti rinnovabili, il risparmio e l’efficienza energetica.

"La volontà della Regione - afferma l’assessore - è di orientare i produttori e gli operatori del mercato verso un mix energetico equilibrato e funzionale al conseguimento degli obiettivi dettati dagli obblighi comunitari e nazionali. Seguendo tali linee di indirizzo, l'assessorato dell'Industria, di concerto con la Presidenza e l'assessorato dell'Ambiente e con il supporto tecnico di Sardegna Ricerche, sta predisponendo la nuova bozza del Piano energetico ambientale regionale (Pears)".

Il documento segue il principio che ha ispirato la proposta di decreto "Burden Sharing", ovvero la suddivisione degli oneri tra le regioni per il raggiungimento, entro il 2020, della quota assegnata all’Italia dall’Unione Europea (pari al 17% del consumo totale da fonti rinnovabili) ed è il risultato dell’attività di concertazione tra il Ministero dello Sviluppo Economico e le amministrazioni regionali.

Un gruppo di lavoro, costituito nel 2010, si occuperà, inoltre, di aggiornare i dati attraverso un'apposita sezione del Sistema informativo regionale ambientale e di verificare periodicamente il rispetto delle linee di indirizzo sulle fonti rinnovabili.