Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Via libera da Utr dei lavori pubblici a progetto per la diga Cumbidanovu

"Si tratta di una infrastruttura che rientra nei processi di sviluppo strategici delineati dalla Regione - ha detto il presidente Cappellacci - e che darà respiro all'economia del territorio da diversi punti di vista, non ultimo sotto il profilo turistico".
diga
CAGLIARI, 17 APRILE 2012 - Nella seduta odierna l'Unità tecnica regionale dei Lavori pubblici ha dato parere favorevole alla perizia suppletiva per la costruzione della diga di Cumbidanovu, nel territorio di Orgosolo. "Si tratta di una infrastruttura che rientra nei processi di sviluppo strategici delineati dalla Regione - ha detto il presidente, Ugo Cappellacci - e che darà respiro all’economia del territorio da diversi punti di vista, non ultimo sotto il profilo turistico”. “Oggi è stato compiuto il passo avanti decisivo per proseguire la realizzazione dello sbarramento e per salvaguardare posti di lavoro preziosi in un territorio colpito dalla crisi più di altri - ha aggiunto l’assessore dei Lavori pubblici, Angela Nonnis. L'importo stanziato per l’intervento è di 54,6 milioni di euro, la diga sull’alto Cedrino fornirà l’acqua per l’irrigazione dell’agro di Orgosolo, Oliena, Nuoro, Dorgali, Orune e Lula. L’11 aprile scorso a Cagliari l’assessore Nonnis aveva incontrato il sindaco di Orgosolo, Dionigi Deledda, e l'assessore, Antonio Pasquale Devaddis, e con loro aveva esaminato le problematiche che riguardano la realizzazione dell’infrastruttura a partire dall’esame in sede tecnica da parte dell’Utr. L’Unità tecnica ha espresso quindi parere favorevole anche su un altro progetto importante, ossia la realizzazione della variante funzionale per lo svincolo Gesico e Mandas sud sulla Strada statale 128 Centrale sarda. Costo dell’intervento, 15,3 milioni di euro. Ugualmente parere favorevole è stato reso anche per i lavori degli impianti di distribuzione del gas nei bacini numero 8, provincia di Sassari, e numero 19, provincia di Oristano, per un ammontare rispettivamente di 26,4 milioni e 18,7 milioni.