Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Opere idrauliche Flumineddu​, progettazi​one primo intervento funzionale

L'assessore ha detto che "il percorso non si è mai interrotto e con i fondi stanziati dalla delibera Cipe del 3 agosto scorso l'Enas redigerà nei prossimi mesi la progettazione preliminare di un primo intervento funzionale finalizzato a garantire l’irrigazione dei territori nelle zone della Marmilla, del Mandrolisai e del Sarcidano. Ricordo che lo stesso progetto dovrà poi essere sottoposto alla Valutazione di impatto ambientale".
diga
CAGLIARI, 22 MAGGIO 2012 - L'assessore dei Lavori pubblici, Angela Nonnis, ha incontrato questa mattina i rappresentanti del Comitato per la diga S'Allusia: Paolo Pisu, Sindaco di Laconi, Gionata Petza, Sindaco di Asuni e Maurizio Frongia, vicesindaco di Samugheo. Dopo aver delineato il processo per la programmazione e la realizzazione delle opere idrauliche dello schema Flumineddu, l’assessore ha detto che “il percorso non si è mai interrotto e con i fondi stanziati dalla delibera Cipe del 3 agosto scorso l’Enas redigerà nei prossimi mesi la progettazione preliminare di un primo intervento funzionale finalizzato a garantire l’irrigazione dei territori nelle zone della Marmilla, del Mandrolisai e del Sarcidano. Ricordo - ha aggiunto l’assessore - che lo stesso progetto dovrà poi essere sottoposto alla Valutazione di impatto ambientale”.

Le risorse stanziate dallo Stato per le opere idrauliche dello schema Flumineddu ammontano a 90,9 milioni di euro ma attendono di essere erogate in base alla definizione da parte del Governo di un contratto istituzionale di sviluppo. Riguardo al progetto complessivo, ad oggi si sono conclusi gli studi agronomici e quelli dei suoli effettuati nel territorio di quaranta Comuni. Gli studi, con notevole risparmio di risorse, sono stati commissionati dall’Enas, ente attuatore dell’intervento per conto della Regione, alle agenzie regionali Agris e Laore. Dopo la fase di condivisione dei risultati delle indagini con i territori interessati, l’Enas potrà valutare l’entità delle integrazioni irrigue e quindi determinare la tipologia e le dimensioni delle opere idrauliche al servizio dello schema Flumineddu che interessa un comprensorio irriguo di circa 20mila ettari.

Durante la riunione di stamattina, su richiesta del Comitato per la diga S’Allusia, l’assessore Nonnis ha garantito che presto parteciperà a uno degli incontri che saranno tenuti nel territorio per la condivisione degli studi agronomici.