Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Ue: Commissione Enve approva parere presentato dal presidente Cappellacci su politica energetica

Nel sottolineare la necessità di definire delle fasi intermedie del processo di trasformazione del sistema energetico, il governatore ha evidenziato l'importanza per le autorità territoriali di poter conoscere gli effetti della trasformazione energetica in termini sociali ed ambientali, ma anche economici.
BRUXELLES, 28 GIUGNO 2012 - "L'Europa deve dare priorità alle energie rinnovabili e alle politiche per l'efficienza energetica". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, che questo pomeriggio ha presentato, in qualità di relatore, il parere approvato all'unanimità dalla Commissione ENVE (Ambiente, Energia e Cambiamenti Climatici) del Comitato delle Regioni dell’Unione Europea sulla futura politica energetica comunitaria. Nel sottolineare la necessità di definire delle fasi intermedie del processo di trasformazione del sistema energetico, il governatore ha evidenziato l’importanza per le autorità territoriali di poter conoscere gli effetti della trasformazione energetica in termini sociali ed ambientali, ma anche economici. “E’ fondamentale – ha aggiunto il presidente - dedicare la massima attenzione alle esigenze delle comunità rurali e delle aree isolate, come pure le possibili ricadute della trasformazione sui settori agricoli e forestali, con conseguente necessità di adattamento delle filiere. Durante la discussione, alla quale era prresnte anche l’europarlamentare Niki Tzavela, Cappellacci ha inoltre posto l’accento sulla necessità di invitare la Commissione europea a riconsiderare l’approccio technology-neutral e a definire meglio un quadro di riferimento per gli investimenti, anche attraverso la fissazione di obiettivi nazionali, nonché la mappatura degli attori e filiere dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili.

Leggi anche la notizia del 17 aprile 2012 - "Ue - Cappellacci, trasformare sistemi energetici per garantire competitività e tutela ambientale"