Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


A disposizione risorse aggiuntive per il finanziamento delle aziende agricole

Le nuove risorse per la misura 121 del Psr ammontano a 3.904.806 euro, mentre per l'azione 1 della misura 123 ammontano a 3.984.806 euro. Gli imprenditori agricoli interessati dovranno presentare le domande attraverso il sistema informativo agricolo regionale (http://intranet.sardegnaagricoltura.it).
Agricoltura
CAGLIARI, 19 LUGLIO 2012 - A seguito della verifica dello stato di salute della politica agricola comune, l'Unione europea ha messo a disposizione risorse aggiuntive, cosiddette "health check", per le misure 121 e 123.1 del Psr.

L'Assessorato dell'Agricoltura ha, quindi, pubblicato i nuovi bandi che prevedono la concessione di aiuti alle imprese agricole per la realizzazione di investimenti materiali e immateriali finalizzati all'ammodernamento delle strutture e all'introduzione di tecnologie innovative. Rispetto ai precedenti bandi, sono rafforzati gli investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Primo bando: Ammodernamento delle aziende agricole
Sono ammissibili a sostegno le seguenti tipologie di investimenti:
- investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, nel limite di potenza degli impianti fino 1 Mwp destinati all'autoconsumo, coerenti con i fabbisogni energetici dell'azienda e, in ogni caso, non eccedenti i fabbisogni aziendali:
- impianti per la produzione di biogas da reflui di allevamento;
- impianti per la produzione di energia da effluenti, scarti, sottoprodotti e/o rifiuti aziendali;
- impianti per la produzione di energia da altre fonti rinnovabili (compreso il solare e l'eolico).
Sono inoltre ammissibili spese generali direttamente legate agli investimenti materiali in misura non superiore al 10% degli investimenti materiali.

Le domande di aiuto potranno essere presentate, attraverso il Siar, dal 1 agosto al 1 ottobre. La domanda dovrà essere presentata anche in formato cartaceo entro il 4 ottobre.

Secondo bando: Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali
Sono ammissibili a sostegno le spese per investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, incluse le spese generali collegate pari al 12% della spesa ammissibile, coerenti con i fabbisogni e gli investimenti prioritari previsti per i settori produttivi, nel limite di potenza degli impianti fino a 1 Mwp, commisurati ai fabbisogni aziendali e in ogni caso non eccedenti i fabbisogni energetici interni del ciclo produttivo aziendale:
- impianti per la produzione di energia da effluenti, scarti, sottoprodotti e/o rifiuti aziendali;
- impianti per la produzione di energia da altre fonti rinnovabili, compreso il solare e l'eolico.
Possono essere finanziati impianti per la produzione di biocombustibili a partire da prodotti agricoli, purché finalizzati esclusivamente a soddisfare il fabbisogno energetico (elettrico e/o termico) della stessa azienda ma non sono in ogni caso finanziabili gli impianti per la produzione di biocarburanti, cioè dei biocombustibili destinati alla trazione e non alla produzione di energia elettrica o termica.

La presentazione delle domande potrà avvenire, attraverso la procedura online, dal 23 luglio al 24 settembre. La presentazione cartacea, invece, entro il 28 settembre.

L'ente incaricato di ricevere, istruire, selezionare e controllare le domande di aiuto è Argea Sardegna.

Consulta i documenti:
- bando misura 121
- bando misura 123



Informazione a cura dell'Urp della Presidenza