Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Lavori pubblici: consegnati lavori porto di Stintino

"Il nuovo piazzale carburanti, le cisterne e il miglioramento del molo prima di tutto aumenteranno considerevolmente il livello di sicurezza dell’intero compendio portuale - ha detto l’assessore Nonnis - e naturalmente renderanno molto più funzionali e veloci le future operazioni di rifornimento".
Porto di Stintino
CAGLIARI, 9 NOVEMBRE 2012 - Consegnati stamattina i lavori di completamento delle opere di difesa e dei banchinamenti interni del porto Mannu di Stintino, finanziati dalla Regione. Per l’occasione, l’assessore dei Lavori pubblici, Angela Nonnis, accompagnata dal sindaco di Stintino, Antonio Diana, ha effettuato un sopralluogo nell’area dove sorgerà il cantiere.

L’intervento, finanziato con 1,4 milioni di euro, consisterà nella costruzione di un nuovo piazzale banchinato nel molo di soprafflutto destinato agli impianti distributori di carburante per le imbarcazioni e nella realizzazione, alla radice del molo, delle cisterne in cemento armato dove saranno collocati i serbatoi collegati attraverso apposite canalizzazioni.

I lavori, che saranno effettuati dall’impresa Geosmar S.r.l. di Trento nei tempi contrattuali di 320 giorni, prevedono anche il prolungamento del muro paraonde del molo fino alla corrispondenza con il nuovo piazzale, il prolungamento della rampa di accesso al molo con il riordino della pavimentazione carrabile, nonché il nuovo impianto di illuminazione radente alla strada.

"Il nuovo piazzale carburanti, le cisterne e il miglioramento del molo prima di tutto aumenteranno considerevolmente il livello di sicurezza dell’intero compendio portuale - ha detto l’assessore Nonnis - e naturalmente renderanno molto più funzionali e veloci le future operazioni di rifornimento".

"La consegna dei lavori rappresenta un ulteriore tassello per il miglioramento del porto Marina di Stintino - ha detto il sindaco - e consente una maggiore fruibilità servendo anche imbarcazioni di stazza superiore".

Le opere collocate in un’area isolata rispetto ai pontili di ormeggio aiuteranno a scongiurare eventuali rischi di propagazione degli incendi e consentiranno una razionalizzazione del servizio senza congestionare il porto turistico. L’ubicazione dei serbatoi a terra eviterà, inoltre, rischi di inquinamento ambientale a mare.