Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Agricoltura. Approvata la riprogrammazione della spesa per la diversificazione della trasformazione del latte ovino

"La delibera adottata dalla Giunta – dice Cherchi – riguarda la riprogrammazione della spesa riservata a quegli allevatori che conferiscono alle imprese di trasformazione almeno 20000 litri di latte da destinare a produzione diversa dal Pecorino Romano".
Latte
CAGLIARI, 19 DICEMBRE 2012 – La Giunta Regionale ha approvato, su proposta dell’assessore dell’agricoltura Oscar Cherchi, la delibera che rende subito disponibili per quella in corso, i 4milioni di euro della seconda annualità del programma di spesa relativo agli aiuti destinati ai produttori per la diversificazione delle produzioni ovine. Si tratta delle somme previste dall’articolo 7 della legge regionale numero 15: "La delibera adottata dalla Giunta – dice Cherchi – riguarda la riprogrammazione della spesa riservata a quegli allevatori che conferiscono alle imprese di trasformazione almeno 20000 litri di latte da destinare a produzione diversa dal Pecorino Romano. I pastori potranno usufruire da subito degli otto milioni inizialmente previsti in due annualità. Con questo provvedimento puntiamo ad estendere i benefici del sostegno 'de minimis' di 4000 euro ad un numero maggiore di produttori con il chiaro intento di contribuire, assieme ad altri provvedimenti simili, a raggiungere la giusta remunerazione nella vendita del latte. Con il supporto alla diversificazione si concorre anche a ridurre le giacenze di 'Romano' con l’effetto di farne lievitare il prezzo sul mercato". L’Argea, quale ente attuatore del programma, ha già provveduto all’emanazione del bando con il quale verrà quindi integrata la dotazione finanziaria già programmata nel 2011. Sempre riguardo alla legge 15 'sostegno al comparto ovicaprino' la Giunta, con la somma di 4milioni e 440mila euro, approva anche l’integrazione del programma di spesa del 2012 relativo all’articolo 1 che prevede l’erogazione di un aiuto ai pastori che si sono impegnati a migliorare la qualità del latte. Con questa somma l’Argea potrà procedere al pagamento della terza annualità.