Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Piano fasce fluviali, concluse conferenze territorio

"Ricordo che il Piano è uno strumento dinamico - ha detto l'assessore Nonnis - suscettibile di analisi e modifica purché sempre nell'ambito delle regole fissate dalle norme e della valenza scientifica". La procedura di approvazione culminerà con la pubblicazione sul Buras.
Cascata
SASSARI, 23 GENNAIO 2013 - Si è chiusa stamane a Sassari la serie di conferenze territoriali preordinata all'approvazione del Piano stralcio fasce fluviali. Tutti gli incontri sono stati coordinati dall'assessore dei Lavori pubblici, Angela Nonnis, in qualità della delega del presidente Ugo Cappellacci. "Siamo giunti alla fase finale che porterà al varo del Piano fasce dopo un anno e mezzo di confronti con i Comuni e con tutti gli enti coinvolti nella elaborazione di questo importante strumento normativo - ha detto l'assessore - esprimo pertanto la mia più viva gratitudine ai sindaci che responsabilmente hanno contribuito con le proprie osservazioni alla buona riuscita del progetto".

Il Piano fasce è uno studio che definisce le aree di salvaguardia dei corsi d’acqua principali della Sardegna e che dovrà essere reso operativo entro l'anno in base alle norme nazionali ed europee. La procedura di approvazione culminerà con la pubblicazione sul Buras. "Ricordo che il Piano è uno strumento dinamico - ha aggiunto Nonnis - suscettibile di analisi e modifica purché sempre nell'ambito delle regole fissate dalle norme e della valenza scientifica. Abbiamo tutto l'interesse a concludere il prima possibile la carta di pericolosità e a elaborare il piano di gestione delle alluvioni per poter accedere a pieno titolo alle ingenti risorse previste dall'Europa".