Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Cappellacci a giovani imprenditori: "Fondi Ue, taglio spesa pubblica, meno tasse per l'Italia più competitività"

Durante il dibattito Cappellacci si è soffermato sulla legge di stabilità: "Non dà la giusta risposta al Meridione - ha sottolineato - e mi preoccupa il rischio di un ulteriore irrigidimento del patto di stabilità perchè potrebbe incidere negativamente anche sulla spesa delle risorse comunitarie".
NAPOLI, 19 OTTOBRE 2013 - "Ci saranno indicatori di risultato per dire quanti posti di lavoro, servizi, infrastrutture derivano dalla spesa fondi Ue perchè usare le risorse va bene, ma non è sufficiente: occorre farlo secondo modalità che garantiscano ricadute importanti per le famiglie, le imprese e i territori". Lo ha sostenuto il presidente Ugo Cappellacci durante il suo intervento al convegno annuale dei giovani imprenditori di Confindustria.

L'utilizzo dei fondi europei dalla Sardegna per le politiche per il credito, lo sviluppo sostenibile e la promozione di politiche green nell'isola è stato al centro del precedente intervento del presidente, che anche oggi ha ricordato che la Sardegna è la quarta Regione italiana per capacità di utilizzo delle risorse comunitarie. Durante il dibattito Cappellacci si è soffermato sulla legge di stabilità: "Non dà la giusta risposta al Meridione - ha sottolineato - e mi preoccupa il rischio di un ulteriore irrigidimento del patto di stabilità perchè potrebbe incidere negativamente anche sulla spesa delle risorse comunitarie. Vi è anche un'annotazione positiva perchè introduce una norma che accoglie la nostra decisione di abbattere l'Irap del 70%. Riduzione spesa pubblica e della tassazione possono aiutarci a uscire dalla palude e condurre a risultati che comportino un vantaggio competitivo sullo scenario internazionale".


Leggi anche la notizia: Zona franca. Cappellacci a Squinzi e Bonino, Sardegna ponte per l'Italia e Ue su Mediterraneo"