Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Trasporti, via libera a selezione autisti Arst

Il bando, finalizzato alla formazione di una graduatoria di autisti idonei, valida tre anni, da assumere eventualmente secondo le necessità del servizio, ha previsto tre prove: test a risposta multipla, colloquio psico attitudinale, prova pratica di guida.
Pulman Arst
CAGLIARI, 12 SETTEMBRE 2014 - Via libera alla selezione per autisti dell'Arst. L'assessore dei Trasporti, Massimo Deiana, al termine di una attenta verifica, ha deciso di sbloccare l'ultima delle tre prove previste dal bando pubblicato a marzo 2013. "Pur conservando alcune perplessità, in particolare sulla scelta metodologica della procedura selettiva - dice Deiana - e valutate le legittime aspettative degli oltre 700 candidati che hanno finora superato i primi due step previsti dal bando, ho deciso di dare il via libera all’Arst per espletare l'ultima prova d’esame".

Il bando, finalizzato alla formazione di una graduatoria di autisti idonei, valida tre anni, da assumere eventualmente secondo le necessità del servizio, ha previsto tre prove: test a risposta multipla, colloquio psico attitudinale, prova pratica di guida.

"Appena insediato - continua l'assessore - ho reputato di dover sospendere la procedura selettiva perché ho ritenuto necessario mettere in atto una attenta ricognizione delle reali esigenze di personale dell’azienda regionale, una verifica doverosa, ricordando che peraltro la Regione ha il compito istituzionale di esercitare il controllo sull'Arst".

Diverse le criticità valutate nel corso delle verifiche portate avanti dall'assessorato dei Trasporti, quali l’orientamento giurisprudenziale in relazione alle stabilizzazioni del personale precario, lo stato economico dell’Arst, le sue obiettive necessità di turn over nel prossimo triennio, l’adozione dello strumento stesso della selezione.

"L’analisi dei presupposti della selezione - ha concluso il titolare dei Trasporti - è stata indirizzata in definitiva a valutare le reali prospettive di inserimento lavorativo, al fine di tutelare prima di tutto le aspirazioni dei candidati".