Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Programmazione territoriale e Fondi europei, la Giunta a confronto con Anci e Cal

Per quanto riguarda la programmazione territoriale, Anci, Cal Sardegna e tutto il partenariato socio-economico regionale saranno regolarmente coinvolti nel dialogo istituzionale con i territori, ed è stata ipotizzata la possibilità di dare continuità a progetti locali già presentati in passato finora rimasti senza copertura finanziaria, purché coerenti con la nuova strategia regionale.
paesaggio rurale della Marmilla
CAGLIARI, 2 FEBBRAIO 2015 - Programmazione territoriale, programmazione unitaria e fondi comunitari: gli assessori della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci e degli Enti Locali Cristiano Erriu si sono confrontati oggi con i presidenti di Anci e Cal, Pier Sandro Scano e Giuseppe Casti, insieme a Gianluca Cadeddu e Graziella Pisu del Centro Regionale di Programmazione.

Per quanto riguarda la programmazione territoriale, Anci, Cal Sardegna e tutto il partenariato socio-economico regionale saranno regolarmente coinvolti nel dialogo istituzionale con i territori, ed è stata ipotizzata la possibilità di dare continuità a progetti locali già presentati in passato finora rimasti senza copertura finanziaria, purché coerenti con la nuova strategia regionale.

"Sulla programmazione unitaria, abbiamo ribadito l'intenzione della Giunta - peraltro già inserita nella legge finanziaria - di istituire una cabina di regia con tutte le autorità di gestione degli strumenti finanziari della programmazione unitaria 14-20, in modo da garantire il miglior coordinamento possibile ed evitare così che ciascun fondo vada per conto suo", spiega l'assessore Paci. Infine, i fondi comunitari: il direttore del Crp Cadeddu ha spiegato che si sta intervenendo sul documento Po Fesr 2014-2020 sul quale la Commissione Europea ha espresso le sue osservazioni, per migliorare il documento nel suo complesso e in particolare sul Piano di rafforzamento amministrativo.

"Questi incontri sono per noi importanti per individuare insieme al partenariato istituzionale e sociale un metodo che porti a una strategia condivisa nell'azione di governo sul territorio", sottolinea il vicepresidente della Regione.

"Abbiamo espresso forte apprezzamento per il metodo imboccato - dicono Scano e Casti - Era appunto la nostra proposta che il confronto avvenga prima delle decisioni e non a cose fatte. Sulla programmazione territoriale abbiamo sottolineato due punti: il primo che i territori abbiano il medesimo accesso agli strumenti e alle risorse con parità di opportunità. Secondo, che la programmazione avvenga attraverso procedure trasparenti e processi di valutazione ancorati a criteri oggettivi e non determinati dalla volontà politica".

Per quanto invece riguarda il confronto sui fondi europei, i presidenti di Anci e Cal dicono di aver "manifestato la preoccupazione del sistema delle autonomie locali per i ritardi accumulati e soprattutto per la severità delle osservazioni rivolte al nostro Fesr dalla commissione europea. Va straordinariamente rafforzata la capacità di programmazione, attuazione e gestione".

"Da ultimo - concludono - abbiamo sottolineato la necessità di un coinvolgimento effettivo del partenariato istituzionale e socio-economico".