Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Viale Marconi, si spegne il semaforo di via Mercalli a Cagliari. Maninchedda: cambia la vita per decine di migliaia di pendolari

Parte così la prima fase della riqualificazione che l'Assessorato regionale dei Lavori Pubblici, che ha interamente finanziato gli interventi, metterà in atto insieme al Comune di Cagliari per viale Marconi, destinata a trasformarsi in una strada a senso unico con marciapiedi, alberi, corsie preferenziali e una forte connotazione commerciale.
Viabilità
CAGLIARI, 20 NOVEMBRE 2015 - Nell'ultimo fine settimana di novembre sarà spento il semaforo che regola la viabilità fra viale Marconi e via Mercalli. L'obiettivo è rendere più fluido il traffico delle 75mila auto che ogni giorno percorrono viale Marconi, facendone la quarta strada più trafficata d'Italia: un grande beneficio per i residenti nell'hinterland di Cagliari - Quartu, Quartucciu, Monserrato e Selargius ma anche Settimo e Sinnai - che potranno così accorciare nettamente i tempi di percorrenza e per chi usufruisce dei mezzi di trasporto pubblico, in quanto i bus potranno muoversi molto più rapidamente. Parte così la prima fase della riqualificazione che l'Assessorato regionale dei Lavori Pubblici, che ha interamente finanziato gli interventi, metterà in atto insieme al Comune di Cagliari per viale Marconi, destinata a trasformarsi in una strada a senso unico con marciapiedi, alberi, corsie preferenziali e una forte connotazione commerciale.

MENO FILE, PIÙ SICUREZZA - "Abbiamo destinato 14 milioni di euro, di cui 9 dal Piano Infrastrutture regionale finanziato col mutuo, a una strada nevralgica, percorsa ogni giorno da decine di migliaia di persone che arrivano a Cagliari per lavorare - dice l'assessore regionale dei Lavori Pubblici Paolo Maninchedda - Iniziamo con una fase sperimentale in cui monitoreremo i risultati, una fase che cambierà la vita a moltissimi sardi e che garantirà allo stesso tempo un netto risparmio di tempo, perché si formeranno molte meno file, e una maggiore sicurezza per tutti".

IL VERTICE DECISIVO - La disattivazione del semaforo, che però resterà lampeggiante, è stata decisa in una riunione fra Comune, Questura, rappresentanti dei commercianti che operano nella zona interessata e dell'emittente televisiva Sardegna1 che ha lì la sua sede. Questa prima fase, che si concluderà con l'istituzione del senso unico e la riqualificazione di viale Marconi, mette a disposizione 1 milione e 850mila euro: il progetto preliminare è stato approvato mercoledì scorso, quello definitivo sarà approvato a dicembre e a gennaio saranno appaltati i lavori. Il che significa che a fine estate 2016 i cantieri saranno operativi.

GRANDE ATTENZIONE PER L'HINTERLAND - "Questa sperimentazione è importante per i cagliaritani ma anche per le migliaia di automobilisti che arrivano in città dall'Area Vasta percorrendo viale Marconi. - sottolinea il sindaco di Cagliari Massimo Zedda - Monitoreremo i risultati ma siamo sicuri di ottenere più sicurezza, meno code e quindi anche meno inquinamento. È il primo passo che porterà alla riqualificazione della strada che avrà il senso unico, marciapiedi per la sicurezza dei pedoni e dei residenti, più verde e corsie preferenziali per i mezzi pubblici".

AUTOMOBILISTI, MASSIMA PRUDENZA - Contemporaneamente alla disattivazione del semaforo verrà realizzata una nuova segnaletica da via Venturi non si potrà più svoltare a sinistra verso Quartu ma solo a destra verso Cagliari. "È solo il primo passo della gara d'appalto che sarà bandita a gennaio per l'istituzione del senso unico - ricorda l'assessore ai Trasporti del Comune di Cagliari Mauro Coni - Raccomando massima prudenza e velocità moderata agli automobilisti di fronte a una novità importante che siamo sicuri porterà grandi benefici alle migliaia di pendolari dell'hinterland. È un intervento importante e fortemente condiviso con la Regione e in particolare con l'assessorato dei Lavori Pubblici che ha deciso di finanziarlo".