Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Piani acque e alluvioni approvati in Sardegna. Maninchedda: gestione più corretta e sicura del territorio

Lo comunica l'assessore dei Lavori Pubblici Paolo Maninchedda, spiegando che i Piani di gestione rappresentano due pianificazioni cardine per la gestione delle risorse idriche e per la difesa dai dissesti idrogeologici, e diventano un preciso punto di riferimento per tutti gli atti pianificatori in materia. "I Piani permetteranno di gestire in modo corretto il territorio, gli invasi e le risorse idriche complessivamente intese soprattutto per prevenire possibili disastri causati da alluvioni, fenomeni siccitosi e in generale dagli effetti di cambiamenti climatici sempre più frequenti", sottolinea l'esponente della Giunta.
acqua risorse idriche
CAGLIARI, 17 DICEMBRE 2015 - All'indomani dei negoziati sui cambiamenti climatici a Parigi (Cop21), la Sardegna, in contemporanea con Roma che ha approvato i Piani degli altri Distretti nazionali, ha adottato oggi i Piani di Gestione delle Acque e del Rischio Alluvioni, come richiesto da due direttive europee.

Lo comunica l'assessore dei Lavori Pubblici Paolo Maninchedda, spiegando che i Piani di gestione rappresentano due pianificazioni cardine per la gestione delle risorse idriche e per la difesa dai dissesti idrogeologici, e diventano un preciso punto di riferimento per tutti gli atti pianificatori in materia. "I Piani permetteranno di gestire in modo corretto il territorio, gli invasi e le risorse idriche complessivamente intese soprattutto per prevenire possibili disastri causati da alluvioni, fenomeni siccitosi e in generale dagli effetti di cambiamenti climatici sempre più frequenti", sottolinea l'esponente della Giunta.

L'adozione dei Piani segna una svolta netta rispetto al passato, un cambio di rotta con misure e norme precise con considerazioni anche sugli scenari di cambiamento climatico, coerentemente con la linea espressa nel Cop21. Si tratta di strumenti efficaci e concreti: in questo modo la Sardegna si allinea alle disposizioni europee in materia di acque e avrà la possibilità di accedere ai fondi strutturali europei all'interno della programmazione 2014-2020.