Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


La cultura scientifica in Sardegna

Amministratori pubblici, esperti e operatori della divulgazione della scienza, rappresentanti della scuola, dell'Università e dei centri di ricerca: un convegno di due giorni a Polaris per discutere della diffusione della cultura scientifica nell'isola.
Cagliari, 9 ottobre 2006 - Tra le missioni del Parco Scientifico e Tecnologico della Sardegna vi è la promozione e la divulgazione scientifica, a questo proposito martedì 10 ottobre alle 9.30 Polaris ospiterà amministratori pubblici, esperti e operatori della divulgazione della scienza, rappresentanti della Scuola, dell'Università e dei centri di ricerca, per fare il punto sulla diffusione della cultura scientifica in Sardegna: nella società, nelle scuole e nell'Università.

La "società della conoscenza" ha estremo bisogno, per affermarsi e creare ricchezza e sviluppo, di una diffusa attenzione per le tematiche scientifiche e dell'innovazione tecnologica. Sono molti, anche in Sardegna, gli operatori che condividono l'obiettivo di innalzare il livello di interesse per questi temi. Non sempre però essi hanno occasione di incontrarsi per discutere i problemi comuni ed elaborare strategie d'azione condivise. E' questo dunque uno degli obiettivi del convegno, organizzato dall'associazione ScienzaSocietàScienza in collaborazione con il Consorzio Ventuno, ente gestore del Parco, che si svolgerà il 10 e 11 ottobre prossimi.

La prima giornata, articolata in due tavole rotonde, una al mattino e l'altra al pomeriggio, è dedicata alla discussione sull'opportunità che nasca in Sardegna un Centro della Scienza, e alla necessità di un più stretto coordinamento fra le strutture scientifiche regionali esistenti per una più efficace azione di comunicazione e divulgazione scientifica.

Tra gli interventi alla tavola rotonda del mattino: Elisabetta Pilia, assessore alla pubblica istruzione della Regione Sardegna; Luciano Marroccu, assessore alla cultura della provincia di Cagliari; Emilio Floris, sindaco del comune di Cagliari; Roberto Crnjar, preside della facoltà di Scienze M.F.N. dell'Università di Cagliari; Antonello Arru, presidente della Fondazione Banco di Sardegna; Carla Romagnino, presidente di ScienzaSocietàScienza.

Durante la mattina, inoltre, saranno raccontate due esperienze d'eccellenza: Manuela Arata illustrerà l'esperienza del fortunato festival della scienza di Genova, Paola Rodari della Scuola internazionale di studi avanzati (SISSA) di Trieste, parlerà della missione dei musei scientifici interattivi.

Nel pomeriggio, si parlerà delle iniziative che il Ministero dell'Istruzione e la Direzione scolastica regionale della Sardegna realizzano nella promozione della cultura scientifica e tecnologica.

La seconda giornata è riservata ad alcune classi delle scuole secondarie che visiteranno i laboratori di alcune società insediate a POLARIS (Bioker, Pharmaness, SharDna e i laboratori di Bioiformatica del CRS4), assisteranno agli esperimenti scientifici tenuti dagli insegnanti dell'associazione ScienzaSocietàScienza e parteciperanno ad una conferenza a carattere divulgativo tenuta da Marco Mulas, ricercatore del CRS4, dal titolo "Dagli tsunami alle vele dei Tornado: le meraviglie della fluidodinamica".

Consulta il Programma