Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Agricoltura, Agris e Laore al 45mo convegno nazionale della società italiana di agronomia a Sassari

In particolare, le due agenzie, che nei rispettivi campi di competenza svolgono un ruolo di incentivazione, ricerca e sostegno delle pratiche di agricoltura sostenibile nell’ambiente agricolo regionale, presentano nella sessione poster del prestigioso appuntamento le esperienze maturate in questo ambito.
Agricoltura ambiente
CAGLIARI, 20 SETTEMBRE 2016 - Anche le agenzie agricole regionali Laore e Agris partecipano al 45esimo convegno della Società Italiana di Agronomia intitolato "La ricerca agronomica verso il 2030 - Gli obiettivi globali di sviluppo sostenibile", in programma a Sassari da oggi a mercoledì 22 settembre. In particolare, le due agenzie, che nei rispettivi campi di competenza svolgono un ruolo di incentivazione, ricerca e sostegno delle pratiche di agricoltura sostenibile nell’ambiente agricolo regionale, presentano nella sessione poster del prestigioso appuntamento le esperienze maturate in questo ambito.

LAORE presenta tre studi: il primo è dedicato alle "Prime esperienze di semina su sodo e di minima lavorazione in due realtà agricole regionali: risicola e foraggicola", che rimanda a due pratiche, la semina su sodo (sod seeding) e la minima lavorazione (minimum tillage) che comportano un’alterazione minima del terreno e fanno parte dei sistemi agricoli dell’Agricoltura Conservativa. Gli altri due lavori presentati da LAORE sono intitolati "Applicazione dei dss (Decision Support System) nella difesa fitosanitaria sostenibile per le imprese agricole sarda" e "Individuazione di Micotossine in semi di grano duro in Sardegna: risultati di 5 anni di indagine". Da segnalare per il primo di questi due studi, l’esperienza dell’organizzazione, grazie all’impegno quotidiano da parte del personale LAORE, coadiuvato dagli specialisti delle ASL e delle ex Province, di oltre 110 corsi di formazione in tutta la Sardegna. Da novembre 2015 ad agosto 2016, oltre 15.000 persone, per lo più operatori agricoli professionali, sono stati formati sulla normativa, l’acquisto e l'utilizzo e vendita dei prodotti fitosanitari.

L’agenzia di ricerca AGRIS si presenta invece a Sassari con due studi: il primo sugli "Effetti di lungo periodo dell'agricoltura conservativa sul suolo nel bacino del Mediterraneo", il secondo sul tema "Comparazione tra compost da rifiuti solidi urbani e fertilizzazione minerale nella coltivazione del foraggio e dell’orzo". risultati presentati al Convegno Nazionale della Società Italiana di Agronomia, così come altri ottenuti dall’Agenzia AGRIS, si stanno diffondendo sul territorio regionale attraverso numerosi incontri di divulgazione, organizzati insieme a LAORE. In particolare, in questi ultimi mesi si sono svolti numerosi seminari sulla gestione conservativa nei sistemi colturali cerealicoli e nelle colture foraggere.