Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Conferenza Regione-Enti locali, parere favorevole su ripetizione fondi Plus e contributi a Unioni di Comuni

L’assessore della Sanità Luigi Arru ha illustrato i dettagli della delibera che proporrà alla Giunta regionale, con la quale sarà destinato alla gestione associata dei servizi e al funzionamento degli uffici di Piano degli Ambiti PLUS uno stanziamento pari a 15 milioni 450mila euro, con un’integrazione derivante dal Fondo nazionale delle politiche sociali.
Assessorato Enti locali
CAGLIARI, 18 OTTOBRE 2016 - La Conferenza permanente Regione-Enti locali questa mattina ha espresso parere favorevole in merito alla ripartizione dei fondi PLUS (Piani locali unitari dei Servizi alla Persona) per l’anno 2016. Si tratta di una notizia molto attesa in tutta l’Isola, in quanto viene garantita la continuità dei servizi socio-sanitari a favore dei cittadini. L’assessore della Sanità Luigi Arru ha illustrato i dettagli della delibera che proporrà alla Giunta regionale, con la quale sarà destinato alla gestione associata dei servizi e al funzionamento degli uffici di Piano degli Ambiti PLUS uno stanziamento pari a 15 milioni 450mila euro, con un’integrazione derivante dal Fondo nazionale delle politiche sociali.

Nella seduta di oggi, la Conferenza permanente ha poi approvato la proposta dell’assessore degli Enti locali Cristiano Erriu in merito all’integrazione dei criteri di riparto dei finanziamenti a favore delle Unioni di Comuni per l’anno 2016. Per promuovere e incentivare il processo di riordino delle autonomie locali, fissato dalla legge regionale 2/2016, è stato stabilito di fissare un contributo una tantum – per l’avviamento delle nuove Unioni di Comuni – di diecimila euro per ciascun Comune aderente, sino a un massimo di 100mila euro. Saranno ammesse al contributo per il 2016 le nuove Unioni, Reti metropolitane e Reti urbane formalmente costituite, il cui Statuto sia stato pubblicato entro la data di pubblicazione della prossima delibera della Giunta regionale.