Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Ex Manifattura, regolamento temporaneo per la riapertura. A breve i bandi per gli operatori della cultura. Paci: procediamo verso la fabbrica della creatività

"A sei mesi dalla delibera, siamo alla prima apertura dell’ex Manifattura. Ciò consentirà ai numerosissimi soggetti che nel tempo ne hanno fatto richiesta, tra cui associazioni culturali, editori, enti pubblici, di iniziare ad utilizzarla. Si tratta di una tappa verso l’apertura definitiva al territorio, attraverso cui si potrà anche testare fruibilità, modalità di utilizzo, criticità, opportunità e possibili migliorie della struttura", afferma l’assessore della rogrammazione Paci.
ex manifattura tabacchi
CAGLIARI, 28 OTTOBRE 2016 - L'ex Manifattura Tabacchi apre le porte alla città. Sardegna Ricerche, che ha in affidamento temporaneo la struttura, ha infatti pubblicato il regolamento provvisorio con le informazioni per poter usufruire degli spazi dal prossimo 7 novembre.

"A sei mesi dalla delibera, siamo alla prima apertura dell’ex Manifattura. Ciò consentirà ai numerosissimi soggetti che nel tempo ne hanno fatto richiesta, tra cui associazioni culturali, editori, enti pubblici, di iniziare ad utilizzarla. Si tratta di una tappa verso l’apertura definitiva al territorio, attraverso cui si potrà anche testare fruibilità, modalità di utilizzo, criticità, opportunità e possibili migliorie della struttura", afferma l’assessore della programmazione Raffaele Paci. "Ce l’abbiamo messa tutta per raggiungere questo risultato, l’abbiamo fortemente voluto e ci siamo riusciti anche rispettando i tempi, profondamente convinti che l’utilizzo dell’ex Manifattura sarà un’occasione non solo per chi vorrà usufruirne operativamente, ma per l’intera città. Lo spazio è immenso e ce n’è per tutti: stiamo lavorando per avere una splendida fabbrica della creatività con luoghi condivisi dotati di adeguate infrastrutture tecnologiche, un ambiente operativo e organizzato, favorevole all’open innovation e alla collaborazione tra start-up e cultura, creatività e arte che qui potranno esprimersi nelle loro forme migliori. Abbiamo pensato anche alle esigenze del settore culturale isolano: dopo questo importante passaggio, la programmazione di medio e lungo termine prevede infatti incentivi per lo sviluppo e il supporto di proposte culturali: già entro l’anno infatti potrebbero essere pubblicati bandi che prevedono agevolazioni finanziarie e supporto in tal senso”.

LA VIA PIU’ RAPIDA - “La Giunta Pigliaru ha creduto molto in questo progetto, abbiamo percorso la strada più rapida per riuscire ad aprire subito dando a Sardegna Ricerche, agenzia pubblica con forti competenze nella gestione di spazi complessi, il mandato di condurre la transizione. Era infatti necessario un Regolamento definito da un soggetto pubblico per garantire la prima apertura. L’unica alternativa possibile, ovvero decidere subito per una gara europea, avrebbe imposto di tener chiusa la struttura per chissà quanti anni ancora”, spiega il Vicepresidente della Regione. “Dopo questa prima fase di utilizzo provvisorio ci saranno i regolamenti e i bandi pubblici per l'assegnazione degli spazi. In tal modo, entro tre anni completeremo la gara europea e daremo l'affidamento ad un unico gestore. Abbiamo dunque voluto aprire il prima possibile per restituire alla città questo magnifico luogo, che nei due giorni di Sinnova è tornato a vivere affascinando i cagliaritani”.

COSA PREVEDE IL REGOLAMENTO TEMPORANEO - Per il momento, l'uso degli spazi sarà concesso a soggetti privati o pubblici che intendono svolgere iniziative senza scopo di lucro. Gli eventi dovranno appartenere alle seguenti tipologie: attività culturali, mostre ed esposizioni, riunioni, convegni, seminari e incontri; attività che mirano a valorizzare l'integrazione tra i temi della creatività, cultura, innovazione e ricerca. Le iniziative dovranno avere una durata non superiore ai 15 giorni all'anno, comprensivi delle attività di allestimento e disallestimento. Gli spazi sono concessi in affitto e i canoni variano a seconda della loro tipologia. I pagamenti sono anticipati, cosi come la cauzione, che è pari al 20% dell'importo complessivo. Il regolamento è a carattere transitorio e sarà poi sostituito da un regolamento di utilizzo a regime: tutti i dettagli nel link https://goo.gl/ZacvnA

LA COMPLESSA MACCHINA ORGANIZZATIVA - "In questi mesi abbiamo lavorato per risolvere diverse questioni tecnico amministrative, per l’individuazione puntuale delle criticità presenti e per la definizione di un piano di interventi tecnico-amministrativi in parte già effettuati e conclusi (per esempio il riaccatastamento della struttura, l’agibilità, i cablaggi, la connettività, la messa in sicurezza, le manutenzioni) e in parte da effettuare nel prossimo periodo", spiega il direttore di Sardegna Ricerche Giorgio Pisanu. "Nel frattempo abbiamo elaborato sia un piano di attività per lo sviluppo nel medio lungo periodo di questo spazio fisico che dovrà accogliere e far convivere imprese culturali e imprese dei settori innovativi, sia il regolamento provvisorio per la gestione degli spazi. I passi successivi prevedono la pubblicazione di bandi per l’assegnazione di parte degli spazi a soggetti qualificati e per la gestione del bar".

ALTRI 5 MILIONI PER LAVORI, VERSO HUB EUROPEO - "Stiamo già lavorando nella prospettiva della programmazione unitaria ad un programma di completamento del recupero dell’intero complesso. I primi 5 milioni di euro sono già disponibili per avviare ulteriori interventi di ristrutturazione e riuscire così a rimettere a nuovo l’altra importante parte della Manifattura", annuncia il direttore del Centro regionale di Programmazione Gianluca Cadeddu. "In stretto raccordo con il Comune di Cagliari stiamo valutando l’opzione di un nuovo ingresso su via Lanusei che consenta di valorizzare le emergenze archeologiche presenti. Assolutamente prioritario sarà garantire i servizi all’interno degli spazi e il recupero dell’ex cinema Due Palme. Già ora Manifattura può svolgere un ruolo importante sui temi della cultura e della creatività, con i nuovi interventi può legittimamente aspirare a diventare un hub di rilevanza europea".