Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Sanità, riconoscimento nazionale per progetto Sirmes della Regione e Sardegna.it

Il riconoscimento a SIRMES è stato assegnato a Milano, nel Palazzo della Regione, durante la tre giorni dedicata ai temi della "Salute e dell'innovazione tecnologica", davanti alla platea di rappresentanti delle Regioni, amministrazioni pubbliche, enti locali, imprese IT, che hanno animato convegni, workshop e seminari formativi, sulle migliori buone pratiche italiane nell’era della digitalizzazione sanitaria e dell'industria 4.0.
Sanità
CAGLIARI, 15 NOVEMBRE 2016 - Ottimo risultato per il progetto dell’assessorato della Sanità e di Sardegna.it, SIRMES - Sistema Informativo Regionale per il Monitoraggio degli Errori in Sanità, che nei giorni scorsi, fra dei 102 progetti in competizione per il premio Innovazione S@lute2016, si è classificato tra i primi 3 nell’ambito infrastruttura di comunicazione e collaborazione tra strutture, professionisti e amministrazioni.

Il riconoscimento a SIRMES è stato assegnato a Milano, nel Palazzo della Regione, durante la tre giorni dedicata ai temi della "Salute e dell'innovazione tecnologica", davanti alla platea di rappresentanti delle Regioni, amministrazioni pubbliche, enti locali, imprese IT, che hanno animato convegni, workshop e seminari formativi, sulle migliori buone pratiche italiane nell’era della digitalizzazione sanitaria e dell'industria 4.0.

Il Sistema Informativo Regionale per il Monitoraggio degli Errori in Sanità è progettato per raccogliere e gestire le informazioni relative agli eventi che si verificano in tutte le aziende del servizio sanitario regionale nell’ambito della sicurezza del paziente e la gestione del rischio clinico, assicurando l’analisi, la valutazione, la prevenzione del rischio e contribuendo alla gestione dei contenziosi, in una logica di integrazione con le altre aree della clinical governance ed in raccordo con il livello regionale.

"L'obiettivo è quello di ottimizzare la gestione del rischio clinico correlato agli eventi, per definire dei protocolli d'azione finalizzati alla riduzione del rischio clinico associato agli eventi stessi", afferma l’assessore della Sanità, Luigi Arru. "Il riconoscimento a SIRMES ribadisce l’utilità dei controlli sanitari ufficiali, e in questo senso premia l'aspetto della prevenzione, sorveglianza e vigilanza, a tutela della salute del cittadino".

La piattaforma, attraverso un elaborato sistema di notifica e di accoglienza centrale, raccoglie ed elabora tutte le segnalazioni pervenute al Servizio Sanitario Regionale, attraverso i canali standard a disposizione degli utenti abilitati all’accesso. SIRMES registra e categorizza, verifica ed elabora, in apposite schede tecniche, tutte le notizie di evento riferite o riferibili al paziente (life event), quali cause potenziali - scatenanti o evolutive di rischio clinico. Analizzandone le cause, i fattori compenetranti e l’andamento temporale, mentre tutti i dati vengono archiviati in un database, rende disponibile alla consultazione, ai diversi livelli di comunicazione e competenza, una vasta gamma di informazioni, agevolando il dialogo tra i professionisti della sanità, ma anche dei settori diffusi come quello assicurativo o legale. SIRMES - collegato col SIMES – trasmette i flussi dati e tracciati al Sistema informativo centrale, ottemperando così all’obbligo informativo nei confronti del Ministero della Salute.

"É un importantissimo riconoscimento di merito in ambito ICT, che ci rende orgogliosi e in prima linea al fianco della Regione - afferma l’Amministratore Unico di Sardegna.it David Harris -. Per noi si tratta di un prezioso feedback che onora in prospettiva gli sforzi del nostro team di professionisti. La nostra mission è quella di innalzare la qualità pubblica dei servizi con un ottimo rapporto costi/benefici. Come azienda provider - assicura il manager - intendiamo portare a regime dei progetti di grande visibilità nel settore e-health e non solo, favorendone il riuso in altre regioni, in linea con le disposizioni normative in materia di privacy nazionale ed europea".