Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Dipendenti Regione, al via confronto su nuovo contratto. Giunta approva indirizzi per il Coran

La Giunta ha approvato gli indirizzi destinati al Comitato per la rappresentanza negoziale (Coran) che dovrà avviare la trattativa con le organizzazioni sindacali.
Palazzo della Regione
CAGLIARI, 21 FEBBRAIO 2017 - Si apre il confronto sul nuovo contratto dei dipendenti dell'amministrazione, degli enti e delle agenzie della Regione per il triennio 2016-2018. La Giunta ha infatti approvato gli indirizzi destinati al Comitato per la rappresentanza negoziale (Coran) che dovrà avviare la trattativa con le organizzazioni sindacali. La nuova contrattazione collettiva viene espressamente prevista nell'intesa sottoscritta da esecutivo regionale e sindacati lo scorso 29 settembre.
Per il contratto, che riguarda il personale dipendente e l'area della dirigenza, sono disponibili, nell'arco del triennio, 14 milioni e 956 mila euro. La quantificazione delle risorse è stata definita in base al tasso d'inflazione IPCA (indice dei prezzi al consumo armonizzato per i paesi dell'Unione europea) con l'intento di garantire la tenuta del potere d'acquisto delle retribuzioni, pur nel rispetto del principio della sostenibilità finanziaria. I nuovi contratti avranno una durata triennale sia per la parte economica che per quella normativa.
I contratti collettivi regionali di lavoro erano scaduti il 31 dicembre del 2009. Successivamente, a causa del blocco delle procedure contrattuali, disposto dal decreto legge n.78 del 2010, non è stato possibile sottoscrivere il rinnovo. La sentenza della Corte Costituzionale n.178 del 2015 ha inciso sulla validità del blocco e riavviato di fatto la nuova stagione contrattuale. I sindacati hanno comunque riconosciuto, nell'intesa sottoscritta con la Giunta, gli effetti positivi del consolidamento dell'indennità di vacanza contrattuale (che sarà garantita attraverso la presenza di appositi e specifici istituti) che, nel periodo di stallo delle contrattazione, ha mitigato la perdita del potere d'acquisto degli stipendi.