Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Miniere, Piras a Olmedo: Giunta attente a esigenze territorio. Minatori sospendono protesta in Comune

L’esponente della Giunta ha sottolineato come siano stati superati gli ultimi ostacoli in capo all'assessorato dell'Industria per il riavvio produttivo del sito. Ora è compito della società concessionaria, alla quale la Regione chiede un’assunzione di responsabilità, avviare le richieste autorizzative ambientali e predisporre e illustrare il piano industriale.
Assessorato all'Industria
OLMEDO, 25 FEBBRAIO 2017 - L’assessora dell’Industria, Maria Grazia Piras, ha partecipato questa mattina, su invito del sindaco di Olmedo, all’assemblea convocata per discutere dei problemi del territorio a partire dalle vicende che interessano la miniera di bauxite. Per quanto riguarda il sito minerario, l’assessora ha ripercorso le vicende degli ultimi due anni, dal momento in cui il vecchio concessionario ha abbandonato il sito alla ricerca di un nuovo investitore, fino all’assegnazione della concessione alla multinazionale greca Elmin, alla quale la Regione dà fiducia fino a prova contraria.

L’esponente della Giunta ha sottolineato come siano stati superati gli ultimi ostacoli in capo all’assessorato dell’Industria per il riavvio produttivo del sito. Ora è compito della società concessionaria, alla quale la Regione chiede un’assunzione di responsabilità, avviare le richieste autorizzative ambientali e predisporre e illustrare il piano industriale. Nei prossimi giorni ad Atene ci sarà un incontro tra azienda e sindacati. L’auspicio è che in quella sede venga presentato anche il piano occupazionale. L’assessora ha ribadito inoltre che non ci sono stati ritardi da parte della Regione ma che i tempi per le procedure autorizzative sono lunghi e necessari, trattandosi di una miniera.

Nel corso dell’incontro con gli amministratori locali, l’assessora Piras, infine, ha rimarcato le iniziative assunte dalla Regione per il territorio e ha ricordato l’impegno sulla vertenza con Eni e i fondi investiti nel nord Sardegna per sostenere la ripresa economica. I lavoratori hanno apprezzato l’intervento dell’esponente dell’esecutivo e hanno così deciso di sospendere il presidio nel Municipio di Olmedo.