Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Rifugio La Marmora, destinati dalla Giunta altri 150mila euro al comune di Desulo per recupero e ricostruzione

"Il precedente contributo - sottolinea l’assessore Erriu - fu concesso in occasione del centenario della scomparsa del professor Domenico Lovisato, ordinario di geologia e mineralogia all’Università di Cagliari, che nel 1879 aveva avanzato la proposta di costruire un rifugio nei versanti del Gennargentu".
Desulo
CAGLIARI, 28 FEBBRAIO 2017 - La Giunta ha approvato la proposta dell’assessore degli Enti locali Cristiano Erriu per destinare ulteriori 150mila euro per i lavori di recupero e ricostruzione del Monumento rifugio La Marmora, nel territorio del Comune di Desulo. Si tratta di una integrazione alla somma di 50mila euro stanziata con la deliberazione n. 46/21 del 10 agosto 2016. Le risorse sono state attinte dalle sanzioni per opere abusive in ambiti sottoposti a vincolo paesaggistico.

"Il precedente contributo - sottolinea l’assessore Erriu - fu concesso in occasione del centenario della scomparsa del professor Domenico Lovisato, ordinario di geologia e mineralogia all'Università di Cagliari, che nel 1879 aveva avanzato la proposta di costruire un rifugio nei versanti del Gennargentu. L’Assessorato degli Enti locali nei prossimi giorni sottoscriverà specifici accordi con l'amministrazione comunale e l’agenzia Forestas, assicurando il coordinamento dell'iniziativa e l’attuazione dell’intervento in piena collaborazione con l’ente locale. L'edificio, che sino all’anno scorso versava in condizioni di totale abbandono, una volta recuperato consentirà di incentivare il turismo escursionistico, collocandosi in pieno nelle politiche di tutela e valorizzazione del paesaggio che questa Giunta porta avanti sin dal suo insediamento. Si tratta di un manufatto di grande valore simbolico e identitario per l’intera Isola".
La posa della prima pietra di sienite, proveniente dall’area di Su Xuxiu, avvenne il 22 luglio 1900 su iniziativa dell’allora Club Alpino Sardo.