Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Lavori Pubblici, parte infrastrutturazione irrigua Bassa Marmilla. Maninchedda: sbloccando una grande incompiuta, dimostriamo che si possono cambiare le cose

Una grande incompiuta da 36 milioni di euro sbloccata dopo 11 anni: con la firma, siglata oggi, dell’atto aggiuntivo al contratto d’appalto, sottoscritto dall’Ente Acque della Sardegna e dall’impresa appaltatrice delle opere, il Consorzio Stabile Aedars scarl, partono i tanto attesi lavori di infrastrutturazione irrigua della Bassa Marmilla.
maninchedda bassa marmilla
Cagliari, 13 aprile 2017 - Una grande incompiuta da 36 milioni di euro sbloccata dopo 11 anni: con la firma, siglata oggi, dell’atto aggiuntivo al contratto d’appalto, sottoscritto dall’Ente Acque della Sardegna e dall’impresa appaltatrice delle opere, il Consorzio Stabile Aedars scarl, partono i tanto attesi lavori di infrastrutturazione irrigua della Bassa Marmilla.

“Ci sono voluti due anni e mezzo per recuperare una situazione complicata" ha detto l’assessore dei Lavori Pubblici Paolo Maninchedda questa mattina a Lunamatrona, in occasione della firma. "Un risultato raggiunto con un impegno quotidiano, costante e concreto. Ringrazio l’Amministratore unico di Enas Giovanni Sistu e tutti i funzionari regionali che con il loro lavoro hanno fatto sì che questo appalto non sia più la maggiore incompiuta iscritta nell’elenco del Ministero delle Infrastutture. Questo traguardo è una dimostrazione evidente della politica del fare di questa Giunta: lavorando silenziosamente si possono cambiare le cose, si può migliorare la realtà, si può incidere profondamente sul presente creando le condizioni per le sfide del futuro. Oggi riparte un’opera importante – ha proseguito Maninchedda – dobbiamo presidiarla e monitoreremo l’avanzamento dei lavori. Siamo determinati nel volere un’agricoltura di qualità per la Sardegna e questi sono gli interventi che vanno in tale direzione” ha concluso l’assessore.

La storia – Si tratta di un’opera strategica finanziata dal CIPE per l’importo di 36,2 milioni di euro. Il progetto prevede l’esecuzione delle opere di adduzione, distribuzione e attrezzamento idraulico per la realizzazione di un nuovo distretto irriguo nei territori dei comuni di Furtei, Sanluri, Lunamatrona, Pauli Arbarei, Siddi e Ussaramanna. Fino al 2015 era inserita nell’anagrafe delle incompiute in seguito alle vicende di carattere giudiziario che avevano coinvolto l’impresa appaltatrice in fase successiva alla sottoscrizione del contratto d’appalto, avvenuta a gennaio 2010. L’ostacolo è stato superato con la nomina di un Amministratore Giudiziario munito delle deleghe, necessarie ai sensi di legge, per la realizzazione delle opere previste dal contratto.

L’intervento - I lavori, che saranno consegnati all’appaltatore nei giorni successivi alla stipula dell’atto aggiuntivo, riguardano la realizzazione di un nuovo distretto irriguo di 1670 ettari di superficie irrigabile. Le attività devono essere realizzate entro 36 mesi con l’attrezzamento irriguo dei comprensori ubicati nei territori comunali di Lunamatrona, Pauli Arbarei, Ussaramanna e Siddi. Nei prossimi due mesi l’impresa provvederà all’allestimento dei cantieri.

L’alimentazione idrica, fornita dal sistema del Flumendosa-Mulargia, è derivata con opere esistenti dall’invaso di Sa Forada. Una nuova condotta adduttrice del diametro di 1200 mm trasporta la risorsa per 12,7 km, dall’opera di presa sul ripartitore Sanluri – Sardara alla vasca di compenso di Su Murtraxiu nell’agro di Lunamatrona. Quest’ultima avrà una capacità di accumulo di 20.000 m e da essa ha origine la rete distrettuale composta da 117 km di condotte con diametro variabile dai 1000 mm del ripartitore ai 160 mm della rete comiziale. Il progetto si completa con le camere di derivazione e consegna, le opere d’arte di linea, gli attraversamenti di strade statali e provinciali e di fiumi importanti come il rio Lanessi ed il Fluminimannu. Le opere realizzate dall’ENAS per conto della Regione, a collaudo eseguito, saranno trasferite al Consorzio di Bonifica della Sardegna Meridionale al quale sarà delegata la gestione delle opere.