Vai al contenuto della pagina

Logo Regione Sardegna


Giro 100, grande festa a Cagliari per la tappa conclusiva. Pigliaru, un successo grazie alla collaborazione di tutti

Un'edizione speciale, per il festeggiamento dei 100 anni, che ha ottenuto grande successo di pubblico e tra gli addetti ai lavori. Un grande avvio, quello che la Sardegna ha dato alla kermesse rosa grazie alle tre tappe che hanno toccato Alghero, Olbia, Tortolì e Cagliari, oltre a tutte le città e i paesi attraversati dai corridori.
CAGLIARI, 7 MAGGIO 2017 - Si è chiusa con un bagno di folla nella via Roma di Cagliari la tranche sarda del Giro d'Italia di ciclismo del centenario. Un'edizione speciale, per il festeggiamento dei 100 anni, che ha ottenuto grande successo di pubblico e tra gli addetti ai lavori. Un grande avvio, quello che la Sardegna ha dato alla kermesse rosa grazie alle tre tappe che hanno toccato Alghero, Olbia, Tortolì e Cagliari, oltre a tutte le città e i paesi attraversati dai corridori. Il forte maestrale di oggi non ha guastato la festa dei migliaia di appassionati accorsi sul fronte mare di Cagliari per salutare i campioni del ciclismo, giunti in Sardegna grazie all'attivo impegno della Regione. E a rappresentare la Regione c'erano il presidente Francesco Pigliaru, che ha consegnato la maglia rosa al nuovo leader della classifica Fernando Gaviria, anche vincitore sull'arrivo di Cagliari, e l'assessora del Turismo, Artigianato e Commercio Barbara Argiolas, che ha premiato invece il leader della classifica a punti e maglia ciclamino Andre Greipel.

"È andata oltre le più rosee aspettative - ha detto il presidente Pigliaru -, abbiamo visto tutti una grandissima partecipazione e l'enorme entusiasmo dei nostri cittadini in tutte le località attraversate dalla carovana rosa. Abbiamo fatto la cosa giusta nel portare una manifestazione così bella e di grande visibilità internazionale per far conoscere la Sardegna nel mondo."

Parole di ringraziamento anche per la collaborazione tra la Regione, i Comuni, le istituzioni e tutti gli enti e le associazioni coinvolte a vari livelli nell'organizzazione delle tre tappe rosa in Sardegna. "Il successo del Giro d'Italia, tornato in Sardegna dopo dieci anni - ha aggiunto il Presidente -, è il risultato del lavoro di tantissime persone e della mobilitazione di tutta un'isola: l'organizzazione di Rcs in primis, la Regione mediante il lavoro dell'assessorato del Turismo ma anche i Comuni che hanno lavorato come una grande squadra. L'approccio collaborativo è il più fruttuoso e va ripetuto continuamente, in futuro. Dobbiamo ringraziare i cittadini sardi che hanno reso indimenticabile e suggestivo il passaggio della corsa nella nostra regione: grazie al loro entusiasmo e alle iniziative che, ai momenti di ironia e festa, hanno voluto aggiungere il ricordo del compianto Michele Scarponi. Con lo sforzo congiunto di tutti, abbiamo mostrato le bellezze non solo costiere della Sardegna, e la nostra faccia migliore".

Oltre ai grandi eventi che vedranno protagonista la Sardegna nei prossimi mesi, dopo la grande vetrina del Giro, ora il lavoro della Regione prosegue sulla promozione del turismo slow e della destinazione Sardegna come meta ideale per cicloturisti e sul rafforzamento degli arrivi nei mesi di spalla.